/ Economia

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia | sabato 14 aprile 2018, 18:00

Di aloe si fa un gran parlare, ma bisogna fare molta attenzione

Per quanto riguarda invece il gel di Aloe, non si sono riscontrati effetti collaterali e può essere utilizzato da tutti, ottimo anche per i bambini, a patto che non si soffra di allergia alla pianta, cosa comunque generalmente rara.

Tra le centinaia di specie di aloe esistenti, l’Aloe vera (Aloe barbadensis Miller) è quella attualmente più utilizzata nei prodotti di consumo sia per uso esterno che interno per via delle sue proprietà. I benefici curativi di questa pianta, riscontrati nel corso degli anni in diverse parti del mondo, oggi sono confermati anche da alcune ricerche scientifiche. Ad essere utilizzate sono le foglie di questa pianta, da cui si estrae sia del gel (per uso esterno) che del succo (per uso interno). Il gel, incolore, ricco di polisaccaridi ed enzimi, è utilizzato per il trattamento di patologie cutanee (ustioni, ferite, psoriasi) e per il confezionamento di cosmetici grazie alle sue proprietà emollienti.


Il succo invece è particolarmente ricco in antrachinoni che hanno effetti anti-infiammatori, aumentano i movimenti peristaltici della muscolatura intestinale e impediscono anche al colon di riassorbire l'acqua. I principali benefici dell'Aloe Vera interessano in particolar modo: l'apparato gastro-intestinale e il sistema immunitario. Inoltre i suoi principi attivi svolgono: un'azione antibatterica, antivirale, antiossidante e disintossicante. Ancora più ricca di proprietà curative è l'Aloe arborescens. Infatti, numerose ricerche scientifiche hanno dimostrato che l'arborescens a differenza della vera abbia una maggiore attività terapeutica.

Però, non è tutto oro quello che luccica! Nel tempo si è riscontrato che l'uso del succo di questa pianta abbia creato controindicazioni e effetti collaterali. Ad esempio si è scoperto che l’Aloina, un principio attivo antrachinonico presente nella pianta, se assunto con continuità potrebbe diventare irritante per la mucosa intestinale creando un effetto lassativo molto rilevante con crampi e diarrea. Inoltre, pur non essendoci studi che ne provino la sicurezza, si è potuto constatare che l'utilizzo del succo in gravidanza, durante l'allattamento, renderebbe il latte amaro e poco gradito al bambino. Se poi si è sottoposti ad una terapia con farmaci, le due assunzioni, potrebbero in qualche modo interferire tra di loro. Infine, studi medici consigliano, nel caso si assuma il succo d’Aloe, di rispettare i dosaggi riportati sulle confezioni e non pensare, solo perchè si tratta di un rimedio naturale, di poterlo utilizzare sempre. Dopo un ciclo di assunzione che potrebbe variare da un mese a tre mesi, si dovrà assolutamente interrompere il trattamento.

Per quanto riguarda invece il gel di Aloe, non si sono riscontrati effetti collaterali e può essere utilizzato da tutti, ottimo anche per i bambini, a patto che non si soffra di allergia alla pianta, cosa comunque generalmente rara.

Per saperne di più sugli effetti benefici o collaterali di questa pianta vi rimandiamo al seguente link: https://www.aloeghignone.com/.

Informazione pubblicittaria

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore