/ Cultura

Cultura | 20 giugno 2018, 09:53

Teatro Pubblico Ligure: la stagione estiva tra comicità e mito

Fino al 23 settembre 49 spettacoli in diciassette diversi luoghi: si comincia al Porto Antico con "Ridere d'Agosto"

Teatro Pubblico Ligure: la stagione estiva tra comicità e mito

Un programma che comprende 49 spettacoli fino al 23 settembre in diciassette diversi luoghi italiani: è questa l’estate 2018 di Teatro Pubblico Ligure diretto da Sergio Maifredi, a cui si aggiunge la nuova edizione dei Dialoghi per la rappresentazione a Genova (Palazzo Tursi) dal 31 agosto al 15 settembre.

Nei mesi successivi, inoltre, Teatro Pubblico Ligure porta in scena tre produzioni al Teatro Carcano di Milano, mentre la nuova produzione, firmata da Sergio Maifredi, Un canto mediterraneo con Mario Incudine, Peppe Servillo e quindici musicisti, fa parte della Stagione 2018/2019 del Teatro Nazionale di Genova.

In Liguria si svolgono trentasei spettacoli divisi fra Genova (il 26 luglio al Porto Antico nell’ambito di “Ridere d’agosto”), Luni (cinque appuntamenti del III “Portus Lunae Art Festival” dal 6 luglio al 10 agosto), Ameglia (due appuntamenti il 23 giugno e il 15 luglio), le Cinque Terre (sei appuntamenti dal 3 luglio al 3 agosto per la seconda edizione del “Cinque Terre Art Festival Albe e Tramonti”), Pieve Ligure (tre appuntamenti dal 7 al 24 luglio per l’XI “Scali a mare Pieve Ligure Art Festival”), Albisola Superiore (quattro appuntamenti dal 23 luglio al 23 settembre per la terza edizione di “In Movimento. Voci e suoni da un racconto mediterraneo”), Albenga (il 25 luglio), Bonassola (due appuntamenti il 24 e 28 luglio), Finale Ligure (tre appuntamenti dal 15 al 29 luglio), Ospedaletti (il 25 luglio), Chiavari (due appuntamenti il 22 luglio e il 22 settembre).

In Italia altri quattordici spettacoli hanno luogo a Fiesole (sei date dal 28 giugno al 2 agosto alla 71ª Estate Fiesolana), Roma (due spettacolo in un unico giorno, il 17 luglio), nelle Marche (quattro date dall’1 al 28 luglio), Modena (20 luglio), Segesta (1 agosto) al Teatro Romano di Carsulae a Terni (tre date dal 16 al 24 giugno).

Continua così senza interruzione l’indagine di Maifredi sui racconti fondanti della cultura mediterranea: Iliade (dal 2014), Odissea (dal 2011), Eneide (dal 2015), tre classici in cui si ritrovano i temi del viaggio, della guerra, della partenza, della ricerca, che nella nostra quotidianità hanno nuove declinazioni, seguendo altre fughe, altre guerre, altri difficili confronti che solo la parola può riconciliare. Enea oggi è in fuga da Beirut, Aleppo, Baghdad in fiamme.

Con il Decameron, passando dall’antichità al medioevo, da un’età eroica ad una mercantile, prosegue il cammino verso le nostre radici.

In questa unità progettuale Teatro Pubblico Ligure trova la sua identità più forte in STAR – Sistema Teatri Antichi Romani: una rete nazionale di siti archeologici che tornano a vivere attraverso gli spettacoli. A Luni, ad Ameglia, ad Alba Docilia di Albisola Superiore, ma anche a Fiesole in Toscana, nelle Marche, dove già esiste TAU – Teatri Antichi Uniti.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium