/ Attualità

Attualità | 25 giugno 2018, 18:43

Voltri, domani pomeriggio via ai lavori in spiaggia

Il Comune ha ottenuto l’autorizzazione per eseguire la riprofilatura del litorale. Intanto Autorità Portuale ribadisce: era compito di Tursi, ma siamo disponibili a interventi “di supplenza”

Voltri, domani pomeriggio via ai lavori in spiaggia

I bambini giocano in spiaggia e fanno festa. Loro non conoscono neppure il significato della parola ripascimento. Figuriamoci di riprofilatura.

Ai piccoli del Centro Arciragazzi Prometeo bastano un tuffo in mare, un pallone, tanti giochi di gruppo, l’entusiasmo della fine della scuola, l’inizio della stagione estiva. Non si domandano chi dovesse risistemare l’arenile dopo le mareggiate invernali. Non hanno la minima contezza delle polemiche, dei conflitti di competenza, dei rimpalli di responsabilità, degli scaricabarile.

Tutte menate dei grandi.

Giocano tranquilli, sotto gli occhi attenti e pazienti degli educatori. Intanto, però, sul futuro di questo lido assurto agli onori delle cronache - e delle polemiche - nei giorni scorsi, c’è una schiarita. Domani pomeriggio alle 15 inizieranno i lavori di ripianamento della sabbia. Lo comunica l’assessore comunale Paolo Fanghella, che scrive così, almeno parzialmente, la parola fine a settimane di scontri, scambi di accuse, ping pong di competenze mai effettivamente chiarite del tutto.

Una bella notizia per i voltresi e per tutti i frequentatori della spiaggia, visto che ancora oggi su questo ampio arenile (il più grande di tutta la città per quanto riguarda quelli pubblici) non era successo un bel nulla. Solo un po’ di rifiuti in più, lasciati da qualche incivile nel week-end. Compreso un barbecue a ridosso degli scogli, ad abbellire il panorama.

La seconda settimana del centro estivo per ragazzi, che raduna ogni anno centinaia di iscritti, si apre dunque con la tanto attesa novità. Le ruspe arriveranno a lavorare per ripianare la sabbia, posizionare meglio i massi, rendere il tutto più presentabile.

 

Il Comune di Genova, che nei giorni scorsi ha spiegato la sua versione (“non spettava a noi il ripascimento, bensì ad Autorità Portuale, ma interverremo comunque con una ripianatura della sabbia”, aveva assicurato l’assessore comunale ai Lavori Pubblici Paolo Fanghella), stava attendendo l’autorizzazione da Porto di Genova e Arpal per partire con l’intervento. Finalmente il via libera è giunto, pur con considerevole ritardo. Resta chiaro infatti che, a chiunque spettasse il lavoro, si è arrivati fuori tempo massimo. Un ritardo clamoroso, “una situazione mai verificatasi negli anni scorsi - fanno sapere dal Municipio VII Ponente - perché queste operazioni sono sempre state fatte prima dell’inizio della stagione balneare”.

 

Intanto, mentre si sbloccano i lavori, non si placano le polemiche. Una mail certificata dello scorso 18 giugno, inviata da Autorità Portuale al Municipio Ponente e, per conoscenza, all’assessore comunale ai Lavori Pubblici, spiega: “Si riteneva che la competenza a ripascimenti o in genere a manutenzioni di arenili di pubblico uso, siti entro i ‘confini portuali’, fosse acclarata in capo alla Civica Amministrazione. Risultano infatti, dopo tale carteggio, alcuni ripascimenti assunti dal Comune di Genova su detti arenili”.

A firmare il documento è Andrea Calcagno, direttore dell’ufficio territoriale di Genova del Porto. Il testo prosegue: “Risulta che la Civica Amministrazione intenda procedere, a breve, alla riprofilatura dell’arenile in questione, che ne ripristini anche le condizioni di agevole e sicuro accesso dalla retrostante passeggiata a mare, in concessione demaniale alla stessa”.

Per concludere, secondo l’Autorità Portuale, “per una consolidata attenzione nei confronti del Municipio VII Ponente, l’ente si riserva la valutazione sulla praticabilità di interventi ‘a supplenza’, nei limiti dell’osservanza delle imputazioni erariali, che consentono all’ente stesso di assumere oneri in base ai propri compiti e competenze istituzionali. Nel caso in esame, ad integrazione dell’intervento comunale di cui sopra, sono comunque in corso contatti delle strutture tecniche dell’ente con Regione e Comune, al fine di valutare un più esteso intervento”.

Dal tutto al niente in poche righe, insomma. Dal conflitto di competenze su chi doveva intervenire, alla volontà d’intervenire entrambi. Una situazione paradossale.

E il Municipio, con il presidente Claudio Chiarotti, tiene a replicare alle accuse di Fanghella dei giorni scorsi. Lo scontro politico tra Comune in area centrodestra e Municipio rimasto in area centrosinistra è ugualmente servito.

Chiarotti, insieme all’assessore municipale Matteo Frulio, osserva: “Già nei primi mesi del 2018, a seguito della mareggiata, il Municipio, Utri Mare e Arci Ragazzi Prometeo avevano sollecitato interventi presso l’area antistante Piazza Caduti Partigiani Voltresi, seguendo la procedura che da anni s’intavolava con Comune e Autorità Portuale successivamente ad eventuali calamità. Nel 2014, ad esempio, entro l’apertura dell’importante servizio della Spiaggia dei Bambini, Autorità Portuale e Comune si erano accordati per l’esecuzione dei lavori di ripascimento che, come riportato nei documenti in archivio, ‘nell’ambito dei rapporti istituzionali tra Comune di Genova e Autorità Portuale’ la stessa Autorità Portuale ‘ritiene che debbano essere posti in capo al Comune di Genova’. E nel 2015 Autorità Portuale, nell’ambito di una collaborazione cercata ed ottenuta da tutti gli enti, sottolineava la tutela della pubblica fruizione da parte della collettività locale di arenili pubblici che ‘trovano nella Civica Amministrazione il soggetto di riferimento’. Risultano infatti diversi ripascimenti assunti dal Comune di Genova sull’arenile di Voltri”.

Questa la versione in piazza Gaggero a Voltri. I grandi si scontrano. I bambini continuano a giocare. Per fortuna, il loro pallone rotola comunque.

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium