/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | martedì 10 luglio 2018, 08:42

Piano anti-caldo, Toti: "Regione Liguria estranea a polemiche"

Toti: "Regione Liguria è istituzionalmente estranea sia ai contenuti sia alle polemiche, che in queste ore campeggiano sugli organi di stampa, in merito alla vicenda legata al Piano Caldo del Comune di Genova"

Piano anti-caldo, Toti: "Regione Liguria estranea a polemiche"

“Regione Liguria è istituzionalmente estranea sia ai contenuti sia alle polemiche, che in queste ore campeggiano sugli organi di stampa, in merito alla vicenda legata al Piano Caldo del Comune di Genova”. Lo afferma in una nota il governatore ligure Giovanni Toti.

“La Regione –spiega- ha come ogni anno elaborato un Piano Caldo regionale con contenuti e finanziamenti propri e in nessun modo intende partecipare a una discussione, tutta all’interno delle forze politiche di Palazzo Tursi, su una delibera già approvata nei giorni scorsi all'unanimità, quindi con i voti di tutti gli assessori della giunta Bucci. La Regione resta comunque a disposizione del sindaco di Genova Marco Bucci per affrontare l'emergenza caldo nel migliore dei modi.”

Queste le parole del Governatore rispetto a quanto affermato ieri dalla vice, Sonia Viale in merito al progetto del Comune "Estate sicura 2018": 

“A mio parere, supportato anche dagli esperti del settore, coinvolgere i richiedenti asilo in attività di accompagnamento degli anziani dimessi dagli ospedali o degli anziani fragili che vivono soli è quanto meno inopportuno. Per questo mi auguro che vi sia un ripensamento da parte della Giunta comunale sul coinvolgimento dei richiedenti asilo, ribadendo da parte di Regione la massima disponibilità e collaborazione, come avvenuto fino ad oggi, per aiutare gli anziani soli a casa, dimessi dall’ospedale o in condizioni di fragilità”. Aggiungendo: “I temi delle dimissioni protette degli anziani dagli ospedali e delle situazioni di fragilità degli anziani soli a casa – sottolinea la vicepresidente Viale - sono all’attenzione della Giunta regionale che, d’intesa con i territori, ha messo in campo da tempo il progetto “Meglio a casa” e il progetto dei Custodi sociali. Si tratta di due iniziative che coinvolgono da sempre i Comuni, a cui vengono messe a disposizione le risorse necessarie per far fronte ad attività di tipo domiciliare. Nel territorio della Asl3 Genovese, il mondo dell’associazionismo è coinvolto in queste attività con 312 volontari che affiancano e integrano l’attività di 70 custodi sociali. A fronte di questi dati – conclude - non si ravvisa neppure la necessità di reperire altri soggetti”.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore