/ Cultura

Cultura | 12 settembre 2018, 11:39

Con la Somalia di Saba Anglana si racconta 'la pancia' della città postmoderna

Sabato 15 settembre gran finale per il Festival Musicale del Mediterraneo, in attesa del prossimo concerto della Banda di Piazza Caricamento.

Con la Somalia di Saba Anglana si racconta 'la pancia' della città postmoderna

Torna a Genova la splendida artista italo-somala che ha ormai tenuto concerti in tutto il mondo. Al centro della sua musica, una voce che si snoda fra melodie e parole raccontando viaggi, affetti e nostalgie, nutrita dall'effervescente melting pot di lingue e di culture in cui la stessa Saba si è formata, tra Mogadiscio, Roma, Torino e Addis Abeba: "E' una musica che esorcizza lo spettro della modernità, che tutto travolge e mette in pericolo. A questo disfacimento, si oppone una reazione che si genera proprio lì, nella pancia della città".

Saba nasce a Mogadiscio, padre italiano e madre etiope, ma arriva in Italia da bambina. Qui cresce e sviluppa i doni di questa doppia nazionalità, declinando il suo talento sia nel campo della musica che della scrittura e della recitazione. E’ attrice e cantante fin dal debutto, in un progetto diretto da Fabio Barovero dei Mau Mau, con cui incide dischi multilingue. Nel 2006 registra l'album" Jidka" (The Line), cantato in lingua somala e in inglese. L'album esce in 60 paesi tra cui Francia, Stati Uniti, Giappone, Italia.

Saba Anglana ha all'attivo numerosi concerti in Italia e all'estero: ricordiamo tra i tanti "The Earth Nat Geo", tenutosi il 22 aprile 2008 in Piazza del Campidoglio a Roma, insieme a Nidi D’Arac, Cesaria Evora e altri artisti di fama mondiale. Il secondo album, "Biyo", è stato pubblicato a febbraio del 2010 e nello stesso anno è entrato nella top '10 della European top chart of world music. Nel 2012 esce il suo terzo album, "Life Changanyisha", registrato in Tanzania e cantato in swahili, nel disco ha collaborato anche con alcuni musicisti tanzaniani e con Thomas Gobena dei Gogol Bordello. Nel 2015 il suo ultimo lavoro dal titolo "Ye Katama Hod". Attualmente vive tra Roma e Torino.

RG

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium