/ Politica

Politica | 08 ottobre 2018, 16:28

Collisione fra navi fra Corsica e Italia, per ora è fermo il greggio sversato in mare

L'assessore regionale Giacomo Giampedrone: "Messa a punto modellista sugli spostamenti della chiazza oleosa. Al momento il greggio è stazionario nella zona di sversamento"

Collisione fra navi fra Corsica e Italia, per ora è fermo il greggio sversato in mare

Dopo la collisione avvenuta ieri a nord di Capo Corso fra la portacontainer Cls Virginia e il traghetto RoRo Ulysse della CTN, Regione Liguria si è attivata fornendo tutto il supporto possibile. In particolare, attraverso Arpal, l’Agenzia regionale di protezione ambientale, ha utilizzato una specifica modellistica per simulare il comportamento della macchia inquinante presente in mare e supportare così le attività di monitoraggio ambientale.

“Abbiamo messo a punto una simulazione basata su dati geografici, meteo marini e previsionali per capire al meglio il comportamento della macchia e i suoi spostamenti – ha chiarito l’assessore regionale all’ambiente Giacomo Giampedrone – Al momento, dalla proiezione si evidenzia una sostanziale stazionarietà del carburante presente in mare, rispetto al punto di rilascio. Attraverso i tecnici dell’Agenzia continueremo a effettuare il monitoraggio della situazione e verificare le eventuali ricadute e avvicinamenti alla costa”.

RG

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium