/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 10 ottobre 2018, 17:33

Multedo, in arrivo una nuova segnaletica per l’incrocio pericoloso

Allo snodo tra via dei Reggio e via Pacoret, dove parecchi camion prendono la direzione contromano, saranno installati opportuni cartelli. Balleari: “La prossima settimana Aster risolverà il problema. Chiederò ad Autostrade di mettere avvisi anche prima del casello”

Multedo, in arrivo una nuova segnaletica per l’incrocio pericoloso

Il ‘festival’ dei camion contromano all’incrocio tra via dei Reggio e via Pacoret a Multedo ha fatto ‘rumore’. Nel senso che l’argomento è finalmente diventato caldo dopo mesi e mesi, se non anni, di denunce, filmati, segnalazioni verbali e scritte.

Il fenomeno, come spiegato in un articolo precedente su ‘La Voce di Genova’, è aumentato a dismisura in queste ultime settimane, a seguito del crollo del Ponte Morandi. Molti mezzi pesanti anticipano l’uscita a Genova Pegli (ovvero il casello di Multedo), invece che Genova Aeroporto, e percorrono il tratto cittadino tra via Ronchi, via Merano e via Puccini per andare poi a inserirsi sulla strada a mare Guido Rossa o sulla nuova via della Superba. Più tir in uscita dal casello, più occasione che si creino situazioni pericolose. Più mezzi contromano in via Pacoret, tra automobilisti e pedoni terrorizzati.

E anche per quelli che imboccano la direzione giusta, svoltando a destra, la situazione resta complicata. Perché si passa sotto un ponte della ferrovia fatto a volta, con altezza massima di quattro metri solamente al centro e passaggio quindi precluso nelle corsie laterali. Insomma, a conti fatti un caos totale.

Su invito dei residenti, ma anche perché molto attento a tutte le problematiche del Ponente, nei giorni scorsi il consigliere comunale della Lega Fabio Ariotti ha presentato in merito un’interrogazione a risposta immediata all’assessore comunale alla Viabilità e vice sindaco, Stefano Balleari. Se n’è parlato nel Consiglio Comunale di ieri a Tursi.

Ariotti ha rappresentato con efficacia la situazione di Multedo, che peraltro Balleari ha potuto constatare di persona, nel corso di un sopralluogo effettuato alcuni giorni fa proprio in via dei Reggio, in compagnia del collega alla sicurezza Stefano Garassino.

Balleari ha così replicato: “Aster entro la prossima settimana risolverà il problema, installando la segnaletica che indicherà ai mezzi pesanti quali vie devono essere percorse. Chiederò ad Autostrade di mettere della segnaletica in tal senso anche prima del casello”.

L’obbligo di svolta a destra in fondo alla discesa già esiste, ma è poco visibile. Di conseguenza, va reso più nitido e, giustamente, anticipato da qualche preavviso. E’ un palliativo, ovvio, ma la situazione è talmente complessa che non rimane che navigare a vista. Andando a tamponare per il meglio possibile.

Con la stessa filosofia andrebbe affrontato pure il tema dell’attraversamento pedonale, sempre in via dei Reggio. Anche qui siamo allo stato di ‘lettera morta’, nonostante la scorsa primavera un morto ci sia stato davvero, il pensionato Salvatore Ferraro, travolto e ucciso da un tir in manovra mentre attraversava la strada per tornare a casa. Da allora, nulla si è mosso. Tante ipotesi: semaforo a metà di via dei Reggio, strisce pedonali illuminate, dossi, allargamenti di curve. Tanti discorsi, infiniti sopralluoghi. Il dossier risulta in mano ad Autostrade, che deve esprimere il proprio parere. E’ vero che si tratta di una strada urbana, ma incide direttamente sul casello, quindi non si può fare a meno di sentire il gestore. Sempre loro.

Tra i ‘54’ di ieri, anche un altro in tema di viabilità del Ponente. Lo ha presentato il consigliere di Fratelli d’Italia Valeriano Vacalebre, chiedendo a che punto sono il monitoraggio e la ritracciatura della segnaletica orizzontale a Cornigliano. A rispondere, ancora Balleari: “La segnaletica orizzontale spetta, per le strade principali, al Comune di Genova e per quelle secondarie al Municipio. La ritracciatura in via Cornigliano ha subito un rallentamento perché Aster ha dovuto provvedere a nuove tracciature nelle zone dove la viabilità è cambiata a seguito del crollo del ponte Morandi. Assicuro che a breve verrà completata anche la tracciatura a Cornigliano”.

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore