/ Cronaca

Cronaca | 30 ottobre 2018, 07:47

Genova si risveglia dopo il flagello del maltempo

E' la mareggiata più violenta degli ultimi 18 anni, con onde sino a 10 metri. Strade interrotte, alberi caduti e oggetti pericolanti. Notte di super-lavoro per i vigili del fuoco

Rapallo, danni del maltempo (foto di Marino Scarnati)

Rapallo, danni del maltempo (foto di Marino Scarnati)

Il territorio genovese si risveglia sotto i colpi del maltempo, tra le conseguenze di una mareggiata storica e di un'impressionante sferzata di pioggia e vento.

Nella giornata di ieri i vigili del fuoco di Genova hanno effettuato, dall’inizio del maltempo fino alle 20 circa 130 interventi, dalle 20 alle 7 di stamane un centinaio. In coda 350 richieste.

Ieri sera a Sturla in via Tabarca si è effettuato il salvataggio di una madre con una bimba di 2 anni rimaste bloccate all’interno di una pizzeria. L’evacuazione è stata effettuata con un gommone

A Boccadasse una persona è stata evacuata dalla sua abitazione al primo piano tramite scala a ganci dal piano superiore

A Nervi in passeggiata Anita Garibaldi madre e figlio di 4 anni sono stati salvati nella loro abitazione. Nei pressi di via Ghirardello Pescetto la forza del mare ha sfondato la porta di ingresso allargando il pian terreno. I pompieri hanno dapprima portato in salvo il bimbo e subito dopo la madre.

A Genova in via Marras, nelle ore notturne, la caduta di un grande albero su alcune abitazioni ha costretto ad evacuare alcuni appartamenti. Le abitazioni evacuate sono ai civici 10, 12 e 14. Si tratta di nove persone costrette a lasciare le proprie dimore. Quattro sono state ospitate in albergo, le altre da parenti.

Le raffiche hanno fatto cadere un palo sulla motrice di un treno a 150 metri dalla stazione di Bogliasco, lungo la linea Genova-La Spezia. Non si segnala nessun ferito. I passeggeri del convoglio sono stati accompagnati nella stazione di Rapallo e da lì hanno proseguito il viaggio con due bus messi a disposizione da Rfi. Il sindaco di Bogliasco Gianluigi Brisca ha detto che l'incendio della motrice è avvenuto per un guasto e non per la caduta di un palo.

Oggi la Casa della Salute di Genova Struppa rimarrà chiusa a seguito del crollo di due alberi, con la conseguente rottura di alcune vetrate della struttura. Al momento sul posto si trovano i dirigenti di Asl 3 per ridurre i disagi. L’utenza verrà indirizzata verso le sedi sanitarie più vicine.

Oggi, martedì 30 ottobre, Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone incontreranno i sindaci del Tigullio per fare il punto sui danni provocati dal maltempo. L’appuntamento è alle 10 in piazza 4 Novembre a Rapallo.

Rapallo, alla mattina, è uno spettacolo spettrale. I cavalloni si sono portati via anche il faro del porto. Ovunque relitti; perfino alla foce del torrente San Francesco. Il mare si è spinto fino in piazza Cavour dove gli operatori sono al lavoro fin dall’alba per ripulire. 

Il comandante della compagnia dei Carabinieri di Santa Margherita Ligure Simone Clemente è soddisfatto. E ha tutti i motivi per esserlo. Con il maresciallo Vincenzo Orlando, comandante del Locamare di Rapallo, ha seguito le operazioni di salvataggio dei 22 marinai di yacht e del porto Carlo Riva rimasti bloccati su un moncone della diga foranea.

Il comandante Clemente spiega: “Abbiamo atteso che calasse il mare. Poi i sommozzatori dei vigili del fuoco con un gommone si sono avvicinati con mille difficoltà e grande perizia ai ‘naufraghi’ e, due alla volta, hanno preso a bordo i marinai sbarcandoli su un molo rimasto indenne. Undici viaggi col fiato sospeso. Solo sei dei marinai sono andati al pronto soccorso di Lavagna in codice verde. Gli altri hanno preferito raggiungere le loro famiglie o alloggiare in albergo”.

Sulla situazione di Santa Margherita il comandante Clemente spiega:  “Il peschereccio si è arenato sulla spiaggia in località Ghiaia e i due membri dell’equipaggio sono stati salvati”. Un’altra buona notizia.

A causa delle gravi condizioni meteo che hanno portato importanti danni alla sede stradale, il Comune di Portofino ha reso noto che anche oggi, martedì 30 ottobre, la Strada Provinciale 227 per Portofino (compreso il tratto pedonale) resta chiusa alla circolazione veicolare e pedonale. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium