/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | venerdì 16 novembre 2018, 17:00

Lunardon: “Rixi liquida Forza Italia e apre la crisi del centrodestra in Liguria"

Lunardon: “Per le regionali 2020 serve un campo progressista, democratico e popolare che guardi alle associazioni e alla società civile"

Lunardon: “Rixi liquida Forza Italia e apre la crisi del centrodestra in Liguria"

Dopo il post pubblicato su Facebook dal Sottosegretario Rixi relativamente al Decreto Genova, il capogruppo del Pd in Regione, Giovanni Lunardon, commenta con una nota stampa:

"Oltre a stendere un velo pietoso su come Rixi ha esercitato il suo ruolo di viceministro nella vicenda del Decreto Genova – ruolo da cui avrebbe già dovuto dimettersi per tutte le promesse non mantenute fatte in queste settimane, in attesa di vedere quelle che riguardano la Legge di Bilancio – è interessante vedere come l’ex assessore della Giunta Toti oggi liquidi Forza Italia e apra ufficialmente la crisi del centrodestra in Liguria. Rixi dice con chiarezza che, alle regionali del 2020, la Lega non andrà con Forza Italia, sancendo, di fatto, la fine del sogno di un centrodestra unito coltivato da Toti".

"Non credo che si aprirà subito una crisi in Regione - continua la nota - perché la pulsione al cadreghino prevarrà. Ma è evidente che si stia andando verso uno scenario con 4 diversi poli politici in vista delle regionali del 2020: 5 Stelle, Forza Italia, un polo progressista, democratico e popolare e la Lega. In questo contesto non è nemmeno più scontata la ricandidatura di Toti. Tutto questo, peraltro, a fronte di tre anni e mezzo di governo ligure del centrodestra che, anche prima del crollo del ponte Morandi, non è stato in grado di dare soluzioni concrete a nessuno dei problemi del territorio ligure, a parte la pubblicità che Toti ha continuato a fare a se stesso.

E termina dicendo: "A questo punto è necessario che accadano tre cose, che devono vedere il Pd protagonista: serve un grande e aperto cantiere delle idee per un nuovo progetto di governo regionale per il 2020, che consenta alla Liguria di uscire dalle secche in cui è finita; bisogna riorganizzare il campo progressista, democratico e popolare coinvolgendo, accanto alle sigle politiche, cittadini, associazioni e la società ligure e poi occorre trovare il candidato di questo campo prima delle europee 2019".

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore