/ Cronaca

Cronaca | 17 novembre 2018, 17:43

Pusher abbordano clienti nei vicoli, ma alla consegna della droga scoprono che sono poliziotti

Il bilancio di una giornata di controlli nel cuore del centro storico: due arresti per spaccio, multato a un negoziante di via Spinola per svariate migliaia di euro a causa di carenze igieniche, sgomberato un magazzino adibito ad abitazione

Pusher abbordano clienti nei vicoli, ma alla consegna della droga scoprono che sono poliziotti

Genova - La polizia ha arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti un italiano di 43 anni con precedenti penali e un ventiquattrenne marocchino richiedente asilo.

I due soggetti, che operavano in piazza dei Fregoso, hanno scambiato per potenziali clienti due agenti di polizia in borghese, e uno degli spacciatori ha avvicinato gli operatori di polizia offrendo del "fumo".

Ignaro della reale identità dei clienti l'uomo ha condotto i poliziotti dal complice, che nascondeva la droga: appena è saltato fuori il "fumo" gli agenti delle forze dell'ordine hanno arrestato la coppia di spacciatori.

I poliziotti hanno poi effettuato controlli presso le attività commerciali nel quartiere delle Vigne. In un immobile gli uomini della Sezione Criminalità straniera e prostituzione hanno individuato un quarantatreenne romeno, sul quale pendeva un ordine di carcerazione per reati finanziari. L'uomo è stato arrestato. Gli operatori della Sezione Criminalità diffusa, in collaborazione con i tecnici della ASL, hanno fatto multe per svariate migliaia di euro a una gastronomia di vico Spinola per carenze igieniche: il gestore, un senegalese, era irregolare e verrà espulso. In vico delle Mele, un fondo accatastato come magazzino è stato sgomberato perché era stato trasformato in alloggio di fortuna da alcuni stranieri. Gli occupanti sono stati segnalati all'Autorità competente e l'immobile rimesso nella disponibilità dei legittimi proprietari. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium