/ Economia

Economia | 19 novembre 2018, 18:04

Regione, via libera alla nuova legge per distributori di carburante e rivenditori di giornali

L'assessore allo Sviluppo economico Benveduti: "Serviranno a sostenere i piccoli esercizi commercianti dell'entroterra e a garantire servizi sociali ai residenti"

Regione, via libera alla nuova legge per distributori di carburante e rivenditori di giornali

 Approvate oggi, dal consiglio regionale, all'unanimità, le modifiche alla legge regionale sul commercio 1/2007 per la nuova programmazione regionale, alla luce del nuovo quadro normativo nazionale e comunitario. I settori economici coinvolti dalle modifiche sono gli impianti di distribuzione carburanti - stradali e autostradali – e le rivendite di riviste e giornali. Nello specifico, per alcune zone interne svantaggiate, si deroga l’obbligo per gli impianti di vendita di avere anche carburanti ecocompatibili – metano e gpl -, mentre per le rivendite dei giornali si prevede di riqualificare le edicole e innovarle con nuovi servizi – info turistiche, rivendita ticket – per compensare il calo delle vendite dovute alla crisi dell’editoria e dando nel contempo servizi utili a residenti e turisti.

“Le modifiche – spiega l’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti – sono frutto di un puntuale lavoro dei nostri uffici in stretta collaborazione e condivisione con le associazioni di categoria e Anci Liguria, attraverso i tavoli ad hoc per recepire e calare sul territorio, nel miglior modo possibile, gli adeguamenti normativi. Le modifiche – continua l’assessore Benveduti – sia sui distributori sia sulle rivendite dei giornali sono indirizzate ad alcune piccole deroghe che rendano possibile il mantenimento di servizi essenziali per i servizi rivolti agli abitanti delle aree interne svantaggiate. Con le nuove disposizioni introduciamo nella norma da un lato requisiti molto stringenti finalizzati alla tutela dell’ambiente e alla diffusione di carburanti ecocompatibili e dall’altro la deroga da questi obblighi per tutti quei Comuni “svantaggiati” delle aree interne e delle vecchie Comunità montane che sono  101 località della Liguria, escluse quelle costiere, per consentire l’installazione di impianti carburanti e fornire un importante servizio per i cittadini residenti in quelle aree che altrimenti sarebbero penalizzati vista la frequente dismissione di impianti di carburante che obbligano i residenti a fare molti chilometri prima di trovare un distributore".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium