/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | lunedì 26 novembre 2018, 16:14

Forum Pietrarsa a Genova, imprenditori del 'ferro' al governo: "E' ora di investire"

Infrastrutture obsolete e mancati bonus, la fotografie della logistica italiane l'invito a non perdere il treno dello sviluppo. Foietta accusa il governo di "traccheggiare" sulla Tav: "Ipocriti" (VIDEO)

Forum Pietrarsa a Genova, imprenditori del 'ferro' al governo: "E' ora di investire"

Infrastrutture ferroviarie obsolete da adeguare (ad esempio il tunnel del Frejus), il mancato rinnovo in manovra degli incentivi legati alla 'Cura del Ferro' e un ritardo complessivo delle opere già 'in cantiere' (come la Tav) mentre il governo realizza l'analisi costi benefici: questa la fotografia della logistica italiana a tinte forti emersa nel corso del Forum Pietrarsa, quest'anno trasferito nella genova "ferita" dal crollo del Morandi.

“Il settore del trasporto su ferro  - spiega Guido Gazzola, Presidente Assoferr - dopo anni di crescita 'importante' (+8% nel 2017) inizia a soffrire del rallentamento economico in atto ma anche delle scelte di politica economica che sembrano andare in senso opposto a quanto realizzato fini ad oggi. Così dopo la crescita arriva il 'down': -0,8% il risultato dei primi 6 mesi dell'anno (legato anche a cause contingenti come Pioltello o gli scioperi in Francia)”. Inoltre – precisa -  speriamo che l’incentivo Ferrobonus, che sembra non essere stato incluso per il prossimo anno, sia invece riattivato, se no grave danno per gli imprenditori del settore”.

Nel corso del forum sono emerse novità sulla ricostruzione del ponte, con Fincantieri che insieme a Salini Impregilo ha presentato il suo progetto. Un'infrastruttura fondamentale anche per i trasporti da e per il porto.

Il commento del direttore generale di Spediporto Giampaolo Botta:

Il commento del presidente di Confindustria Genova Giovanni Mondini:

Ma anche altri argomenti hanno tenuto banco al Forum come, ad esempio, la forte polemica sulla Tav: il commissario straordinario del governo per l'asse ferroviario Torino Lione Paolo Foietta, ha definito infatti "ipocrita" il "traccheggio" del governo, e avvertito che dal 2019 in caso di ritardi la perdita sarà di 75 milioni al mese. E proprio durante il Forum è stato ricordato, per quanto riguarda il Corridoio Mediterraneo, come la Francia sia il secondo partner commerciale dell'Italia. Ma nonostante questo il tunnel del Frejus ha 150 anni e grande bisogno di adeguamenti, esistono non a caso forti limitazioni per il trasporto di merci pericolose mentre la linea Genova-Ventimiglia appare tecnologicamente e strutturalmente inadeguata. Ma anche verso la Germania le cose non vanno meglio: per il Corridoio Reno-Alpi, Terzo Valico si segnala infatti come, ad esempio, il completamento del tunnel di base del Ceneri, sia l'unico nodo penalizzato su tutto il percorso. E anche in questo caso un'incertezza (letale per gli operatori economici) tutte le opere legate al porto finiranno o no nel 2021?

“Le analisi sui costi benefici delle infrastrutture si faccia a porte aperte – commenta Nereo Marcucci, presidente di Confetra -  e, visto i 9 mesi trascorsi dall’avvio di tale analisi, auspichiamo che i risultati vengano alla luce con ragionamenti puntuali su ogni opera che stiamo chiedendo”. Conclude “credo sia un dovere arrivati a questo punto, che il Governo ci spieghi se possiamo suggerire delle variabili oppure se è già stato tutto deciso”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore