/ Eventi

Eventi | 10 dicembre 2018, 15:56

Ritorna la cerimonia dello "scioglimento del voto"

Genova ricorda ancora una volta la cacciata degli austriaci del 1746

Ritorna la cerimonia dello "scioglimento del voto"

Questa mattina, al Santuario di Nostra Signora di Loreto in Oregina, nell'ambito delle giornate Mameliane, tradizionale cerimonia dello "Scioglimento del Voto", che ricorda la cacciata degli austriaci del 1746. Il 5 dicembre di quell'anno Genova si ribellò all'occupazione austriaca, con il famoso gesto di Giovanni Battista Perasso, un ragazzo di soli 11 anni, soprannominato "Balilla", che al grido "Che l'inse" fece scattare la rivolta popolare che scacciò gli invasori. Le autorità dell'epoca formularono un Voto alla Madonna che viene onorato ogni anno il 10 dicembre con una cerimonia solenne di "Scioglimento del Voto".

Da alcuni anni, poi, si ricorda anche quanto avvenne il 10 dicembre del 1847, giorno in cui si verificò un altro importante fatto storico. Goffredo Mameli salì con 30 mila patrioti provenienti da ogni parte d'Italia dall'Acquasola ad Oregina, dove tra le bandiere tricolori venne cantato per la prima volta quello che diverrà l'Inno Nazionale.

La cerimonia ha avuto inizio, sul sagrato della chiesa, con la rievocazione in costume “La vera Historia 1746 -1847: storia di un Miracolo e di una Rivoluzione”, rappresentazione teatrale a cura di “Arte in palco”, alla quale hanno assistito un centinaio di ragazzi delle scuole medie Gastaldi e X Dicembre di Oregina. Dopo la Santa Messa, celebrata da Monsignor Nicolò Anselmi Vescovo Ausiliare di Genova, il momento solenne dell'accensione del cero alla Madonna.  

Alla cerimonia erano presenti, in rappresentanza del Sindaco, l'assessore Arianna Viscogliosi, Cristina Lodi consigliere comunale, Pippo Rossetti consigliere regionale, Federica Cavalleri assessore municipio I Centro est e Maurizio Daccà Gran cancelliere de "La Compagna".

"Oggi vogliamo ricordare due importantissimi eventi della nostra città - ha detto l'assessore al personale Arianna Viscogliosi -.  Il popolo genovese che si ribella all'invasore e la nascita dell'inno degli italiani. Crediamo sia fondamentale portare nelle scuole questi insegnamenti che partono dalla solidarietà, per costruire i valori del futuro, della pace, della libertà e dell'unità nazionale".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium