/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 20 dicembre 2018, 17:43

Voltri, non c’è un solo euro per rifare la passeggiata

Lo ha comunicato il presidente del Municipio VII Ponente Claudio Chiarotti ai consiglieri di piazza Gaggero. “Abbiamo incontrato l’assessore comunale Fanghella, faremo un miniprogetto per consentire almeno gli accessi alle varie associazioni. Poi si vedrà”

Voltri, non c’è un solo euro per rifare la passeggiata

Per il ripristino della passeggiata di Voltri, che è stata completamente devastata dalla mareggiata di fine ottobre, non esistono fondi. Zero euro, zero prospettive, zero speranze.

Lo ha detto ieri, nel corso della seduta del Consiglio Municipale, il presidente del VII Ponente Claudio Chiarotti, che ha fatto il punto della situazione anche a seguito della commissione consiliare di Tursi svoltasi la scorsa settimana.

“Al momento - ha detto Chiarotti - non c’è nessuna previsione finanziaria per il rifacimento della passeggiata intitolata a Roberto Bruzzone. Con il consigliere delegato Ugo Truffelli abbiamo incontrato l’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Paolo Fanghella, e abbiamo stabilito di redigere un progettino per un parziale utilizzo, se non altro per quelle associazioni che hanno la propria sede sul lungomare e per consentire le necessarie vie di fuga. Per il resto, dobbiamo aspettare. Andrà anche rinnovato un tavolo con l’Autorità Portuale sul tema delle difese a mare”.

I danni alla passeggiata sono stati enormi. Nei giorni immediatamente successivi al disastro - le onde si sono abbattute sul litorale di Ponente con la forza di uno tsunami - lo stesso Chiarotti aveva avanzato una stima di dieci milioni di euro. “La passeggiata? Facciamo prima a demolirla e a rifarla da zero - è il pensiero di Chiarotti - Però sarà meglio mettere prima in sicurezza il litorale. E’ inutile ricostruire se poi alla prima mareggiata forte siamo di nuovo in questa situazione. Anche nel 2008, la realizzazione del nuovo lungomare doveva essere anticipata dalle opere di difesa del mare. Moli e dighe soffolte. I troppi no ci hanno portato allo scenario di oggi”.

Attualmente, l’intero tratto danneggiato, che è circa l’ottanta per cento della struttura, è transennato e inaccessibile. In questi mesi invernali il problema è relativo, per quanto un affaccio sul mare è pur sempre piacevole. Ma in estate, mancando l’accesso diretto allo spiaggione di Voltri, che è il più grande di tutto il Comune di Genova con libero utilizzo, le difficoltà e i disagi sono destinati ad aumentare.

Filippo Bruzzone, consigliere municipale di A Sinistra, ha rappresentato tutte le sue perplessità attraverso un’interrogazione a risposta immediata. “Nell’ultimo periodo in particolare - afferma Bruzzone - il territorio del Municipio VII Ponente è stato al centro di numerosi episodi legati al tempo avverso. Le ultime emergenze riguardano proprio la distruzione della passeggiata Roberto Bruzzone di Voltri, la caduta di due terzi di un tratto stradale in via Carpenara e il dissesto di via Pietro Paolo Rubens all’altezza del civico 18. Negli ultimi mesi, la fragilità del nostro territorio è stata ancor più evidente e sono emerse molte criticità che più volte lo stesso Municipio aveva segnalato senza ottenere risposta: il caso della voragine apertasi sull’Aurelia è emblematico”.

Alla luce di tutto questo quadro, Bruzzone, insieme a Truffelli del Partito Democratico e a Giovanni Battista Sacco della Lista Crivello, chiede “quale sia lo stato attuale delle emergenze e quali i tempi di risoluzione delle stesse, indicati da Regione Liguria e da Comune di Genova, visto che tali eventi suscitano legittima preoccupazione nei cittadini e un forte disagio per gli stessi”.

“E’ inconcepibile - afferma Bruzzone - che non ci sia un euro per mettere a posto la passeggiata. Non siamo neanche più al tappullo. Si lascia tutto distrutto e buonanotte. I voltresi dopo decenni avevano finalmente un bell’accesso sul mare. Non è pensabile che non vengano date prospettive. Da altre parti, la giunta comunale ha manifestato un impegno e una volontà completamente differenti. Qui a Ponente continuiamo a essere figli di un dio minore”.  

Chiarotti ha promesso “ulteriori azioni per sensibilizzare il Comune sul problema. Riproporremo la questione e vediamo che cosa ne verrà fuori”.

L’importante è non spegnere l’attenzione. Ben memori del pasticcio risalente a qualche mese fa a proposito del ripascimento della spiaggia di Voltri. “Le segnalazioni del Municipio - conclude Bruzzone - vanno ascoltate e tenute in considerazione. Siamo l’istituzione più prossima al territorio e ai cittadini. Il problema della passeggiata è serio e non si può far finta che non sia successo niente”.

 


Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium