/ Cultura

Che tempo fa

Cerca nel web

Cultura | mercoledì 26 dicembre 2018, 13:58

Voltri, visita guidata allo storico Presepe della Duchessa

Appuntamento domani, 27 Dicembre, alle 15 per ammirare uno dei più pregiati gioielli della tradizione ligure. Organizzano i ragazzi del Parco storico. L’incasso sarà devoluto al Santuario delle Grazie e alle Clarisse Itineranti

Voltri, visita guidata allo storico Presepe della Duchessa

È indubbiamente uno dei gioielli più preziosi dell’arte presepiale ligure. Per questo, ogni volta che il Presepe storico della Duchessa di Galliera viene esposto, è un grande evento.

Domani (27 dicembre), riecco una grande occasione per poterlo ammirare. La organizzano i ragazzi del Parco Storico di Villa Duchessa di Galliera, capitanati e coordinati come sempre dall’ottimo Andrea Casalino.

L’appuntamento è per le ore 15, presso il cancello del Parco. “Come ogni anno a partire dal 2010 - afferma Casalino, che è anche il presidente dell’associazione di promozione sociale Sistema Paesaggio che cura gli spazi esterni della Villa, compreso il prestigioso Giardino all’Italiana - il ricavato delle offerte per la visita sarà devoluto al Santuario delle Grazie e alle Clarisse Itineranti. Oggi più di prima, infatti, anche a seguito dei danni dovuti alla tempesta dello scorso 29 ottobre, il Santuario ha bisogno di tanto aiuto e sostegno”.

Si salirà al luogo sacro attraverso una passeggiata lungo la creuza medievale, alla scoperta delle curiosità del paesaggio, per arrivare poi in cima, dove si domina tutto il Parco storico e si può godere di una splendida vista su Voltri e su tutto il Ponente genovese. A questo punto, a bellezza si aggiungerà bellezza, con la visita guidata al Presepe della Duchessa, che comprende rarissime statuine del Seicento e del Settecento e si trova proprio dentro il Santuario. “Consigliamo a tutti - prosegue Casalino - scarpe comode e abbigliamento adatti a una passeggiata, nonché una torcia elettrica, visto che, al ritorno, la strada mattonata è scarsamente illuminata”. Ma val la pena di questa ascesa, per ammirare uno dei presepi più famosi della nostra regione, da sempre studiato e di recente anche restaurato.

Realizzate dall’artista Paolo Navone, della scuola del Maragliano, le statuine sono il vanto della popolazione voltrese e tesoro prezioso del convento che sorge sulle colline del Parco storico di Villa Duchessa di Galliera. Dopo un lungo e minuzioso restauro, effettuato dalle restauratrici delle Scuole Pie di Genova, sono tornate l’anno scorso nel luogo dove da sempre sono custodite. Nel mezzo, tra restauro e ritorno, un passaggio alla bellissima Galleria Nazionale di Palazzo Spinola, in piazza Pellicceria, nel centro storico di Genova.

Il Presepe è caratterizzato da una commistione tra scuola genovese e scuola napoletana, resa evidente dal diverso utilizzo di legno e canapa. Molto curate e preziose le vesti dei vari personaggi: abiti ricercati, molti ancora originali, per la cui realizzazione la stessa Duchessa donò stoffe pregiatissime.

Sulla base delle ricerche dello studioso della Soprintendenza Giulio Sommariva, questo insieme è costituito da un nucleo eterogeneo di sculture, numerose ascrivibili alla scuola genovese e in particolare a Pasquale Navone (Genova, 1746-1791), alcune realizzate in ambito napoletano nel Seicento e nel Settecento, altre ancora di fattura successiva; opere tutte interessate da interventi che avevano in parte sminuito la loro qualità esecutiva e contraddistinte da uno stato conservativo che ha reso necessaria la predisposizione di uno specifico progetto di restauro.

Maria Brignole Sale e il figlio Filippo De Ferrari promossero presso l’edificio di Voltri numerosi cantieri. In particolare, Filippo commissionò l’edificazione nel 1895 di un ambiente appositamente destinato all’esposizione del Presepe. Il rapporto privilegiato instaurato dalla famiglia con il Santuario Voltrese è attestato anche dai numerosi doni destinati al convento, tra i quali deve annoverarsi il Presepe.

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore