/ Cronaca

Cronaca | 13 gennaio 2019, 11:38

Via dei Reggio, prove di messa in sicurezza del casello autostradale

Tursi pensa di allargare la curva, poi di spostare le strisce pedonali più a sud e di installare un semaforo. Si procede per tentativi. L’Associazione Comitato di Quartiere: “Gli assessori dovevano informare la cittadinanza, un’altra occasione persa”

Via dei Reggio, prove di messa in sicurezza del casello autostradale

In via dei Reggio a Multedo qualcosa si muove. Ma non soddisfa assolutamente i residenti del quartiere.

Nei giorni scorsi, alcuni operai dell’Aster, l’azienda che si occupa di manutenzioni per conto del Comune di Genova, hanno iniziato a tracciare, nel punto in cui la curva a gomito segna l’imbocco verso il casello autostradale di Genova Pegli, una nuova segnaletica orizzontale. In passato, l’Aster è sempre venuta, ridipingeva le strisce pedonali e andava via.

Adesso no. Dopo le polemiche dei mesi scorsi e soprattutto dopo la morte di un pensionato, Salvatore Ferraro, investito e ucciso in via dei Reggio da un tir proprio mentre faceva ritorno a casa, ci sono stati vari incontri tra Tursi e Società Autostrade, al fine di mettere maggiormente in sicurezza questo svincolo.

I comitati - l’Associazione Comitato di Quartiere di Multedo e Multedo per l’Ambiente - dal loro canto e pur con diverse sfumature hanno sempre ribadito la necessità di interdire il passaggio dei mezzi pesanti. Ora, gli assessori Stefano Garassino e Stefano Balleari - che hanno rispettivamente la delega alla Sicurezza e alla Mobilità - hanno deciso di andare avanti sul progetto messo a punto dagli uffici del Matitone. E i primi passi si vedono fattivamente, con la nuova segnaletica tracciata sull’asfalto.

L’intenzione, in pratica, è quella di allargare il più possibile la curva. E, non essendo questo possibile sulla corsia a sud, perché vi sono marciapiede e palazzi, si andrà a ‘mangiare’ spazio nella corsia a nord.

Nei giorni scorsi, si è già provveduto a eliminare i cassonetti della spazzatura, che sono stati spostati più in alto, sempre in via dei Reggio. Anche lo stop per chi proviene dalla parte alta della strada è stato rialzato di alcuni metri. Per terra iniziano a comparire le prove della nuova linea di mezzeria, che ritraccia completamente la curva. Chi salirà da via dei Reggio verso il casello si dovrà allargare molto di più a destra. Mentre, al contrario, chi scenderà dovrà allargarsi un poco di più a sinistra, in modo da evitare di finire con le ruote contro il marciapiede.

Questo è il primo passo del progetto, che Tursi intende portare avanti per via sperimentale. Per adesso, quindi, si parte dall’allargamento della curva. Ma i successivi passi sono già sulla carta. Si tratta dello spostamento delle ‘zebre’ più a sud, ovvero dove la strada torna a essere in rettilineo e della collocazione, laddove sboccano ora le vecchie strisce e inizia la ‘creuza’ che porta a Pegli, di un guardrail in continuazione rispetto a quello già esistente e di competenza di Autostrade.

L’intenzione, infatti, è quella di interdire in ogni modo l’attraversamento pedonale in curva, portando i pedoni a transitare in prossimità delle nuove strisce, che saranno per giunta regolate da un impianto semaforico.

Ieri, l’Associazione Comitato di Quartiere di Multedo ha mostrato sulla propria pagina Facebook i disegni del progetto, esprimendo il proprio disappunto: “Mangiano posteggi in via dei Reggio e non risolvono la situazione”, afferma perplesso Sergio Di Antonio, presidente del Comitato.

E Simona Granara, membro del direttivo, aggiunge: “Eravamo rimasti in parola con gli assessori di Tursi che sarebbero venuti a illustrare le loro intenzioni alla cittadinanza. Invece i lavori sono partiti senza che nessuno ne fosse informato. Ci siamo rimasti male. Crediamo che procedere per esperimenti non sia la cosa giusta e che la soluzione migliore resterebbe, comunque, quella di interdire al transito i mezzi pesanti, anche se molto difficile da realizzare”.

Via dei Reggio, in effetti, non nasce per ospitare un casello autostradale. Neppure sarebbe stata adatta negli anni Sessanta, figuriamoci con i volumi di traffico attuali, con le dimensioni dei tir notevolmente aumentate, con le conseguenze del crollo del Ponte Morandi. “Perché non si pensa mai a portare avanti - osserva Di Antonio - il progetto del casello definitivo che sbocchi direttamente sull’Aurelia? Non dimentichiamoci che questo assetto di via dei Reggio è ‘provvisorio’ da oltre cinquant’anni”.

Allargare la curva, di fatto, ha portato a cancellare parcheggi: perché i cassonetti sono stati spostati dove c’erano alcuni stalli riservati alle automobili. L’utilità di un semaforo in fondo a un casello autostradale, dove il traffico dev’essere per natura fluido, non già il contrario, pare sin da subito pari a zero. Per non parlare delle strisce pedonali nel tratto in cui il marciapiede è più stretto: vanno bene per chi va a piedi, ma per una mamma che spinge il passeggino o una persona disabile come la mettiamo?

L’impressione è che siano - e restino - tutti bei palliativi per non affrontare mai il problema di fondo. Che lì quel casello, nell’anno del Signore 2019, non ci dovrebbe proprio stare. Punto.

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium