/ Sanità

Sanità | 28 gennaio 2019, 18:31

Aumentano le liste d'attesa in sanità, la denuncia del Pd

Il gruppo Pd in Regione: "Serve un'inversione di tendenza. Liguria digitale viene utilizzata per i tappeti rossi e i servizi peggiorano. Viale guardi all'esperienza dell'Emilia Romagna"

Aumentano le liste d'attesa in sanità, la denuncia del Pd

E' un vero e proprio allarme quello lanciato dal gruppo del Partito Democratico in Regione Liguria: le liste d'attesa per i pazienti liguri vanno ingrossandosi, e l'amministrazione non farebbe abbastanza per invertire l'infelice tendenza. Il risultato sarebbero attese interminabili per molte prestazioni sanitarie e un generalizzato calo della qualità nel servizio.

"Dopo il declassamento sui Lea (Livelli essenziali di assistenza) e l’esplosione delle fughe certificato da Agenas, emerge un’altra grande criticità della sanità ligure a trazione Toti-Viale: l’aumento delle liste d’attesa. Come si legge oggi sul Secolo XIX la situazione è sempre più preoccupante, con picchi a Imperia e alla Spezia, dove per effettuare una visita oculistica bisogna attendere, come minimo, 8 mesi. D’altra parte se si tagliano il personale e le prestazioni non può essere altrimenti - scrive il Pd in un comunicato stampa -. Anche la 'rivoluzione' del Cup unico, così come l’aveva annunciata l’assessore Sonia Viale (prima a metà 2017 e poi nove mesi fa con un ulteriore potenziamento della piattaforma) è del tutto fallita. Ancora oggi è impossibile prenotare esami su scala regionale. Manca un software adeguato, ma finché la Giunta Toti utilizzerà Liguria Digitale per stendere i tappeti rossi sarà difficile ottenere qualche risultato. La società informatica ligure è inchiodata da tempo anche sul fascicolo sanitario elettronico, che è rimasto fermo al palo da quando governa quest’amministrazione di centrodestra (quasi 4 anni)".

"Invece di copiare continuamente la Lombardia, consigliamo all’assessore di guardare con maggiore interesse al sistema virtuoso dell’Emilia Romagna. Il monitoraggio costante, addirittura quotidiano, un livello di produttività basato sull’efficacia delle prestazioni e soprattutto adeguate dotazioni di strumenti tecnologici e di personale sono modalità di intervento, che a Modena, solo per fare un esempio, hanno dato ottimi risultati - si legge ancora nel documento -. Tanto che, pur prevedendo la possibilità di limitazioni all’attività di intramoenia, non è mai stato necessario attivare concretamente tale misura".

"Prima di mettere ancora una volta le mani nelle tasche dei liguri - conclude il Pd -, facendo pagare il ticket a chi rinvia le prenotazioni, sarebbe bene che la Giunta Toti lavorasse per migliorare l’offerta sanitaria della nostra regione.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium