/ Sanità

Sanità | 02 febbraio 2019, 08:00

"Chi ben comincia... è a metà dell'opera!" a cura di Simona Oberto, consulente alimentare specializzata in nutrigenomica

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che chi fa regolarmente una colazione sana ed equilibrata riesce a dimagrire più facilmente e a mantenere il giusto peso corporeo.

"Chi ben comincia... è a metà dell'opera!" a cura di Simona Oberto, consulente alimentare specializzata in nutrigenomica

Oggi giorno la colazione, più che il basilare momento in cui forniamo il primo importante nutrimento per le nostre cellule, è diventata una sorta di consuetudine da consumare “al volo” tra la ricerca del calzino dell’ultimo nato da portare all’asilo e lo zaino per il calcio da preparare per il primogenito. Se poi la sveglia non ha suonato o se rientriamo nella categoria di coloro che non vogliono rinunciare fino all’ultimo minuto di sonno mattutino, allora il tutto viene forzatamente rimandato al bar sotto casa o davanti all’ufficio, dove l’immancabile caffè o cappuccino ci attendono sul bancone, tra un commento sull’ultima partita del campionato e un disappunto sull’ennesimo scivolone da parte del Governo. Parlo di una sorta di “rito” a cui non riusciamo proprio a rinunciare!

Un rito che molto spesso include anche un bel croissant che sceglieremo alla crema, se siamo nel filone “devo pur gratificarmi con qualcosa!”, che diventerà “multi cereale integrale” se siamo nel filone del “naturale/salutare”, fino a diventare una sorta di “vorrei ma non posso” se siamo a dieta perenne. Dobbiamo ammetterlo! Purtroppo i ritmi della nostra vita sono sempre più frenetici e ci portano a consumare una colazione veloce, iponutriente e troppo ricca di zuccheri e alimenti acidificanti che producono fin dal primo mattino un innalzamento brusco della glicemia nel nostro sangue, predisponendo l’organismo ad immagazzinare durante tutta la giornata zuccheri, che saranno puntualmente trasformati in grassi! Molte persone invece hanno la cattiva abitudine di saltarla.

Anche questo è molto deleterio! Perché se le nostre cellule non ricevono l’adeguato nutrimento, il nostro metabolismo rallenterà e questo causerà un “super impegno extra” da parte delle nostre funzioni organiche, che si tradurrà in stanchezza, astenia e irritabilità che ci accompagneranno per tutta la giornata. Inoltre l’organismo attiverà un segnale di emergenza che porterà a trattenere i grassi accumulati, leggendo questo mancato approvvigionamento come una sorta di “carestia”! Niente cibo: niente carburante!

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che chi fa regolarmente una colazione sana ed equilibrata riesce a dimagrire più facilmente e a mantenere il giusto peso corporeo. In pratica, chi mangia “bene” a colazione tende a regolare meglio l’introito calorico giornaliero e a ottenere ottime prestazioni psicofisiche. Ma non solo, perché una colazione adeguata permette di mantenere più stabile la glicemia e di ottimizzare la risposta insulinica con un gran beneficio da parte del fegato e del pancreas. La prima colazione è il pasto più importante perché è il momento in cui l’organismo è programmato per l’introduzione di calorie e di tutti i nutrienti: carboidrati, proteine, grassi essenziali, vitamine, sali minerali, enzimi digestivi, molecole antiossidanti e fibre. Queste daranno il giusto ritmo al nostro metabolismo, regolandone il consumo calorico.

La colazione però deve essere varia. Bisogna mangiare lentamente e masticare bene perché la digestione inizia già nella bocca con l’enzima ptialina , l’eccessiva velocità peggiora la digestione. Una cattiva digestione nel tempo può portare a un accumulo di grasso, soprattutto quello addominale, quello più pericoloso perché avvolge i nostri organi interni, soprattutto il fegato o può regalarci una condizione di disbiosi intestinale. Fare una sana colazione è una abitudine che bisogna avere fin dalla più giovane età, infatti nei bambini esiste una stretta correlazione tra la tendenza ad aumentare di peso e l’abitudine a saltare la colazione o a farla troppo ricca di zuccheri. Un segreto per riuscire a svegliarci con la giusta dose di “fame buona”, soprattutto nei primi tempi, quando siamo abituati a mangiare poco e male, è quello di mangiare una cena molto leggera. Mangiando meno la sera mangeremo di più al mattino! La colazione ideale deve contenere adeguate quantità di tutti i nutrienti.

La scelta è molto ampia: dagli estratti di frutta e verdura, yogurt greco, fette biscottate di grano saraceno e marmellate bio, al latte di capra, di avena o di cocco. Ma anche le uova, la bresaola, la ricotta di capra, il salmone e tanta verdura, cruda e cotta, condita con olio extra vergine d’oliva spremuto a freddo. Le uova in specifico sono un’ottima fonte di proteine e grassi oltre a fornire alcune vitamine come la K2 fondamentale per l’assimilazione della vitamina D. Una farina di miglio, di canapa o di sorgo fornisce carboidrati, proteine, grassi e fibra nelle giuste proporzioni. L’olio extravergine d’oliva aggiunge grassi monoinsaturi sani mentre la frutta fresca ci apporterà le vitamine, gli antiossidanti e la fibra. Il kefir ci fornirà un supporto di proteine e fermenti lattici utili per il nostro benessere intestinale, insieme a un mix di noci, mandorle, pistacchi e arachidi, rigorosamente senza sale, zuccheri, conservanti e grassi aggiunti, anche questi ricchi di proteine e di acidi grassi essenziali Omega 3.

Allora abituiamoci fin da subito a una sana ed equilibrata colazione, ricca di nutrienti importanti per le nostre cellule, cercando di evitare il più possibile alimenti troppo ricchi di zuccheri, acidificanti e poveri di nutrienti, perché la nostra salute, come ci insegna la Nutrigenomica, dipende proprio dalla salute delle nostre cellule! Fai come me…scegli la salute!

Simona Oberto cura il sito web www.cibocuranaturale.com e la pagina facebook  Il tuo coach alimentare 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium