/ Cultura

Cultura | 07 febbraio 2019, 18:47

L'anima pedagogica di Pasolini nel saggio critico di Andrea Panizzi sul grande intellettuale italiano

"P.P. Pasolini Futuro nostro contemporaneo", questo il titolo del volume presentato a Palazzo Tursi, che offre una rilettura in profondità della vita, delle opere e del pensiero di Pasolini

L'anima pedagogica di Pasolini nel saggio critico di Andrea Panizzi sul grande intellettuale italiano

E' stato presentato presso il Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi "P.P. Pasolini Futuro nostro contemporaneo", saggio critico firmato da Andrea Panizzi che indaga l'opera pasoliniana, la vita e il pensiero del grande intellettuale del '900. Presenti all'iniziativa, oltre l'autore, Guido Grillo, Vice presidente del Consiglio Comunale, Emanuele Dotto, giornalista Rai e Silvana Bonelli, conduttrice televisiva, in veste i presentatrice. Un'operazione che vuole stare a distanza dall'apologia e dalla mitizzazione, ma cogliere in un'opera "archeologica" il pensiero originale di Pasolini, come ci ha spiegato l'autore.

Abbiamo chiesto ad Andre Panizza di spiegare il titolo del suo saggio: "Il tentativo è quello di far emergere l'anima pedagogica di Pasolini, perché, pur non essendo stato un pedagogista di professione, attraverso la sua saggistica, passando per i romanzi, la poesia, il cinema e il teatro, la sua opera in qualche modo è piena di messaggi che riguardano la scienza pedagogica - ha spiegato Panizza -. Pasolini rimane uno degli intellettuali meno immediati, perché la sua opera è talmente vasta e completa che risulta ostica da approcciare, anche se rimane oggi un punto di riferimento per i nuovi scrittori. Bisogna in ogni caso stare attenti a non mitizzare troppo come è stato fatto ad esempio con la figura di De Andrè: non facciamolo anche con Pasolini. Aboliamo termini come profetico, perché rischiamo di sminuire e snaturare il suo pensiero originale, che è prezioso. In questo libro ho provato proprio a fare questo, un'operazione archeologica, ovvero andare a raccogliere quello che è originale senza romperlo".

"Pasolini - conclude Panizza - è riuscito, partendo da una grande esperienza pratica, a fare luce su certi coni d'ombra relativamente ai quali anche la pedagogia accademica non è riuscita. Questo attraverso una pratica e uno studio continui andando a cercare anche nella cultura più popolare". 

Pasolini e la pedagogia secondo Andrea Panizza: 

 

 

Carlo Ramoino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium