/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 12 febbraio 2019, 08:34

Ponte Morandi: arriva l'esposto dal prof. Siviero e altri 50 professionisti

Il Prof. Enzo Siviero dopo aver scritto al Presidente dell’ANAC Cantone, al Procuratore della Repubblica Cozzi, a Bucci e Toti, per segnalare "numerose anomalie" nel modo di procedere nei lavori di demolizione e ricostruzione del Ponte Morandi, ora, insieme ad altri 50 professionisti, tra ingegneri e architetti, presenta un esposto alla Corte dei Conti della Liguria

Ponte Morandi: arriva l'esposto dal prof. Siviero e altri 50 professionisti

E dopo la lettera arriva l'esposto. Il Prof. Enzo Siviero, infatti, ingegnere docente all'Università di Venezia, dopo aver scritto al Presidente dell’ANAC Cantone, al Procuratore della Repubblica Cozzi, a Bucci e Toti, per segnalare "numerose anomalie" nel modo di procedere relativamente ai lavori di demolizione e ricostruzione del Ponte Morandi, ora, insieme ad altri 50 professionisti, tra ingegneri e architetti, presenta un esposto alla Corte dei Conti della Liguria.

La motivazione: "presunte incongruenze e anomalie nel processo decisionale e nel procedimento di affidamento relativo ai lavori di demolizione e ricostruzione del Ponte Morandi a Genova".

Come già scritto nella lettera (che il nostro giornale ha pubblicato integralmente QUI), anche nell'esposto, infatti, si ribadisce che "La demolizione integrale dell'opera e della sua totale ricostruzione non appare razionale né sufficientemente motivata", in quanto sarebbe "una perdita irreversibile per il patrimonio pubblico oltre a comportare un produzione di un ingente volume di detriti".

I firmatari dell'esposto ribadiscono che la spesa di oltre 200 milioni di euro sia eccessivo: "il costo della ricostruzione della sola parte crollata e consolidamento dell'esistente è invece stimabile, in base ai costi correnti di mercato, tra i 70 ed i 90 milioni, con un tempo di esecuzione inferiore ai 12 mesi".

Infine contestano anche la procedura di affidamento dei lavori, considerata "anomala", perché affidata senza gara o comunque senza una procedura concorrenziale ad evidenza pubblica.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium