/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 22 febbraio 2019, 12:27

Piano lupo, Costa: "No agli abbattimenti, sì a iniziative di mitigazione"

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa: "Il piano lupo ha come obiettivo la protezione della specie e quindi esclude in linea di principio gli abbattimenti"

Piano lupo, Costa: "No agli abbattimenti, sì a iniziative di mitigazione"

“Il piano lupo è pronto per essere consegnato alla Conferenza Stato-Regioni, esclude gli abbattimenti e prevede 23 azioni di gestione, compresa – ed è una rilevante novità – la sperimentazione di iniziative di mitigazione a livello microterritoriale”. Lo ha detto a Montecitorio il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, intervenendo mercoledì ad un’affollatissima riunione dell’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali, presieduto dall’onorevole Michela Vittoria Brambilla, sui temi della tutela dei grandi carnivori e della lotta al bracconaggio.

“Il piano lupo – spiega Costa – ha come obiettivo la protezione della specie e quindi esclude in linea di principio gli abbattimenti. Prevede invece 23 azioni, in gran parte mutuate dal piano che non passò nell’"ultimo miglio" della scorsa legislatura. Dopo aver incontrato e ascoltato i rappresentanti dei territori, in particolare delle Province autonome di Trento e Bolzano, ho integrato il piano con la proposta di sperimentare, dove se ne manifesterà l’esigenza, particolari azioni di mitigazione”.

“All’attività del lupo – sostiene il ministro – sono attribuiti più danni di quelli che effettivamente produce. Di qui la particolare attenzione riservata al problema degli ibridi e alla sterilizzazione come opportuno strumento di intervento, anche se sugli ibridi la competenza è in capo alle autorità sanitarie”.

Costa ha infine ricordato che la lotta al bracconaggio è materia contenuta nel contratto di governo ed ha convenuto con l’on. Brambilla sulla necessità di trasformare in delitti i reati contro le specie e gli habitat protetti, attualmente di tipo contravvenzionale. “Il che consentirebbe – specifica – di intensificare in qualità e quantità la repressione di reati che ormai hanno quasi sempre forma associativa e organizzata”.

“Ringrazio il ministro Costa per il suo intervento – conclude l’on. Brambilla – di cui condivido appieno l’impostazione. Mi auguro che sia presto approvato il piano lupo, ovviamente senza abbattimenti e con le azioni proposte, e che l’intergruppo possa collaborare con il governo per arrivare rapidamente a definire norme più severe ed incisive contro la piaga del bracconaggio”.

La prossima settimana l’Intergruppo per i diritti degli animali ascolterà il ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli sull’utilizzo degli animali nei circhi.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium