/ Cronaca

Cronaca | 25 febbraio 2019, 18:32

Fegino: un nuovo parcheggio su area di Rfi

Il vicesindaco Balleari: "Durante un sopralluogo a gennaio con il sindaco Marco Bucci alcuni abitanti ci avevano rappresentato la necessità di avere più stalli per auto e moto in una zona con poche possibilità di parcheggio. Tra pochi giorni avranno a disposizione questa area"

Fegino: un nuovo parcheggio su area di Rfi

Un nuovo parcheggio gratuito nei pressi della stazione FS di Rivarolo come richiesto dai residenti per agevolare gli spostamenti dei pendolari della zona sopra Borzoli.

Consegnate oggi le chiavi dell’area, che verrà trasformata in parcheggio, e firmato il verbale tra il Comune, i rappresentanti di Rete Ferroviaria Italiana (proprietaria dell’area), Italferr (Direzione Lavori) e Astaldi (ditta esecutrice del cantiere di potenziamento del nodo di Genova).

“Durante un sopralluogo a gennaio con il sindaco Marco Bucci – sottolinea l’assessore Stefano Balleari – alcuni abitanti che ci avevano rappresentato la necessità di avere più stalli per auto e moto in una zona con poche possibilità di parcheggio. Tra pochi giorni avranno a disposizione questa area”.

Saranno fino a una ventina i parcheggi realizzati dal Comune e messi a disposizione gratuitamente per facilitare anche i pendolari che, dalla collina sopra Borzoli, raggiungono ogni giorno la stazione ferroviaria di Rivarolo.

Un'area ferroviaria che, finché non sarà necessaria alle esigenze cantieristiche del nodo di Genova, viene temporaneamente resa disponibile dal Gruppo FS Italiane facendo seguito a quella del Campasso, trasformata in parcheggio e inaugurata ad ottobre nei pressi della fermata metropolitana Brin.

“Prosegue la collaborazione del Gruppo FS Italiane – dichiara Mario Grimaldi, Responsabile Progetti Genova per RFI - a supporto delle Istituzioni locali e nazionali, mettendo in atto tutte le attività necessarie per favorire la mobilità collettiva da e per la città di Genova, incentivando lo scambio tra diverse modalità di trasporto e l’integrazione tra il mezzo privato, la rete ferroviaria e i sistemi di mobilità urbana”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium