/ Sanità

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanità | 02 marzo 2019, 08:57

"L'acqua...il nutrimento perfetto delle nostre cellule!" a cura di Simona Oberto, consulente alimentare specializzata in nutrigenomica

Sì, perché per una salute ottimale, ed è quello a cui punta la “nutrizione cellulare”, occorre bere dell'acqua pura, alcalina carica di nutrienti e con una struttura molecolare ideale.

"L'acqua...il nutrimento perfetto delle nostre cellule!" a cura di Simona Oberto, consulente alimentare specializzata in nutrigenomica

Nutrigenomica consiglia per mantenere forti, sane ed efficienti le nostre cellule. Oggi parliamo del loro cibo preferito: l’acqua! Sì, perché per una salute ottimale, ed è quello a cui punta la “nutrizione cellulare”, occorre bere dell'acqua pura, alcalina carica di nutrienti e con una struttura molecolare ideale.

Un’acqua in grado non solo di neutralizzare i rifiuti acidi accumulati per effetto dell'alimentazione e del metabolismo, ma se consumata giornalmente, in grado anche di rimuovere i “tossici” delicatamente dal nostro corpo, con l’aiuto di tutti gli organi emuntori. Non possiamo e non dobbiamo sottovalutare questo dato oggettivo: un uomo durante la vita beve circa 25/30.000 litri di acqua per il mantenimento delle sue funzioni biologiche e delle strutture organiche. Infatti tutti i nostri sistemi organici sono in contatto con l’acqua: circolatorio, urogenitale, respiratorio, digestivo, nervoso, sensoriale.

Ognuno di essi è a suo modo dipendente dall’acqua, così come ogni tessuto e ogni singola cellula. La maggior parte dell’acqua nel nostro corpo si trova nelle nostre cellule, nello spazio interstiziale e nel nostro sangue. Contrariamente a quanto si possa pensare, il tessuto in cui l’acqua è più abbondante è il nostro cervello, seguito dal sangue, dai muscoli, dalla cute, dal tessuto connettivo e dalle ossa, mentre il tessuto adiposo è quello più povero. Sembrano solo percentuali ma dietro ad esse si nasconde uno dei più importanti segreti della nostra longevità! Si, perché questi primi dati e considerazioni dovrebbero già iniziare a farci capire quanto l’acqua sia la fonte più importante di salute cellulare e quanto possa fare la differenza una sua giusta assunzione quotidiana sul nostro stato di salute psicofisica. Se dovessimo chiedere a citologi, fisiologi e biologi da cosa dipende la salute delle nostre cellule tutti risponderebbero che dipende da almeno quattro fattori. Le nostre cellule, per poter funzionare, riprodursi, crescere e ripararsi, hanno bisogno essenzialmente di ossigeno, dei nutrienti contenuti nel cibo, di acqua e di buoni pensieri.

Quattro fattori che possono influenzare in modo diretto, non solo la salute delle nostre cellule ma anche la patogenesi, ossia il meccanismo secondo cui si instaura una malattia. Le cellule sane facilitano il processo di guarigione, ritardano l'invecchiamento, determinano la salute generale del corpo, prevengono malattie e disfunzioni, regolano al meglio il consumo energetico diurno, conciliando il sonno profondo notturno ma soprattutto sono in grado di raggiungere e mantenere l’omeostasi interna. Il nostro corpo è composto da 3 trilioni di cellule, impegnate a svolgere il loro lavoro 24 ore al giorno per 365 giorni l'anno, cellule che hanno bisogno di un buon “carburante” costituito anche da un’ acqua viva! Interessanti studi scientifici si sono focalizzati proprio sulla influenza che l’acqua avrebbe sul nostro sistema immunitario e su quello linfatico, due sistemi coinvolti in prima linea nel mantenimento della nostra salute psicofisica. E i risultati sono stati unisoni: l’acqua pura e viva può fare la differenza sulla capacità del nostro sistema immunitario di combattere intrusi, malattie e virus e su quella del sistema linfatico di prevenire le infiammazioni e gli edemi e di smaltire meglio le tossine. Gli studi si sono concentrati anche sulla matrice cellulare perché la purezza del fluido interstiziale dipenderebbe anche dalla purezza dell'acqua che assumiamo e dalla giusta quantità di “minerali traccia” in essa disciolti. La cellula immersa in un fluido “pulito” migliora nella funzionalità e negli scambi, permettendo a formidabili cellule bio-specializzate (globuli bianchi) di difendere meglio le zone affette del vostro corpo.

La quantità e la qualità dell’acqua che beviamo è importante anche da un punto di vista energetico, essa infatti farà la differenza sull’efficienza dei nostri mitocondri, infatti anche solo una diminuzione del 4 - 5% di acqua nel corpo può provocare una riduzione di capacità di prestazione energetica fino addirittura al 20%, portandoci a una condizione cronica di disidratazione che è alla base di molti scompensi e patologie. Questa diminuzione provoca una riduzione della quantità di sangue in circolo, causando vertigini, emicranie, problemi alla vista e addirittura perdita di concentrazione, memoria e lucidità mentale. E’ oggettivo! La nostra efficienza organica dipende molto dallo scambio di elementi che avviene attraverso le membrane cellulari. Se lo scambio non è fluido perché l’ambiente è sporco, allora le stesse cellule e gli organi perderanno di funzionalità, impedendo all’organismo di mantenersi in omeostasi che è la capacità degli organismi viventi di mantenere un equilibrio interno pur nel variare delle condizioni esterne. Il concetto dell’omeostasi è il principio base non solo delle ultimissime scienze moderne come la PNEI che studia le “interazioni reciproche” tra attività mentale, comportamento, sistema nervoso, sistema endocrino e reattività immunitaria, la Nutrigenomica che studia il “rapporto tra i nutrienti (cibo e acqua) e i nostri geni”, l’Epigenetica che studia “l’evoluzione e l’adattamento dei nostri sistemi organici in rapporto all’ambiente” e la Psicosomatica che studia il “rapporto mente-corpo” ma è anche il principio base di tutte le antiche discipline orientali che da millenni parlano di Chakras, Meridiani energetici, Corpi sottili, Prana, Yin e Yang. Antico e presente accomunati da un unico obbiettivo: la Salute!

Simona Oberto cura il sito web www.cibocuranaturale.com e la pagina facebook  Il tuo coach alimentare

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium