/ Politica

Politica | 03 marzo 2019, 16:55

Tav, Battelli (M5S) a Chiamparino: "Da avvoltoi speculare sulle vittime della tragedia del ponte Morandi"

Il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera si scaglia contro il presidente della Regione Piemonte.

Sergio Battelli

Sergio Battelli

"Chiamparino dovrebbe vergognarsi: utilizzare una tragedia come il crollo del ponte Morandi per convincere gli italiani della bontà del progetto Tav è da avvoltoi. Il presidente della Regione Piemonte parla, inoltre, di 'treno sicuro': vuol dire, forse, che il traforo del Frejus non lo sia o, piuttosto, intende dire sicuro per garantire appalti ai soliti noti e ottenere in cambio voti per le regionali?". Lo scrive, in una nota, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera, il ligure Sergio Battelli del MoVimento Cinque Stelle

"Non amo fare dietrologia e parlare di chi c'era prima o dopo - prosegue Battelli - ma la Liguria e la città di Genova sono state governate e amministrate per vent'anni dal centro sinistra che non ha fatto nulla per la messa in sicurezza, né del ponte Morandi né dell'intero territorio. Oggi la Tav non è una galleria scavata in una montagna ma il simbolo di una progettazione degli anni '90 che guardava al profitto di pochi, degli amici della politica". 

"Mentre altri parlavano noi investivamo 11 miliardi per il bene del nostro territorio. Io, che sono ligure, so cosa voglia dire aver paura ogni qualvolta si avvicini un forte temporale. Ecco perché stiamo lavorando e finanziando la più grande opera di messa in sicurezza della storia della Repubblica e, nel frattempo, stiamo sbloccando tutti i cantieri strategici bloccati. La Tav non è una priorità per il Paese, Chiamparino se ne faccia una ragione" conclude Battelli. 

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium