/ Sanità

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanità | 05 marzo 2019, 16:45

Pastorino: "Nuova unità oncologica al San Martino, ancora difficoltà nell’avvio della struttura unificata"

Il consigliere regionale di Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria: "L'assessore condivide nostri rilievi: necessario intervenire su accoglienza e puntualità delle terapie"

Pastorino: "Nuova unità oncologica al San Martino, ancora difficoltà nell’avvio della struttura unificata"

Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria mette in luce le difficoltà organizzative nell’avvio della nuova unità operativa di oncologia medica presso il San Martino. Presentata stamane in consiglio regionale un’interrogazione per conoscere i motivi dei lunghi tempi d’attesa nell’erogazione delle terapie e gli eventuali correttivi avviati dalla giunta.

"Siamo soddisfatti che l’assessore Viale abbia condiviso i nostri rilievi, e in particolare tutte le difficoltà. La questione è duplice; anzitutto c’è un problema di accoglienza e accompagnamento: oggi i pazienti si trovano disorientati dalla mancanza di informazioni e assistenza sul posto. E si tratta di elementi fondamentali, considerato che le terapie sono molto debilitanti e quindi richiedono una particolare cura nella presa in carico del malato - dichiara il capogruppo Gianni Pastorino -. In più c’è un problema di certezza negli orari di erogazione delle terapie: le attività della piastra devono infatti incrociarsi con le esigenze quotidiane di pazienti e accompagnatori, fra cui la possibilità di raggiungere in tempo utile il posto di lavoro. Finora, però, gli appuntamenti hanno seguito un programma poco attendibile".

"Ciò detto, troviamo positivo che l’assessore abbia sottolineato l’utilità della nostra interrogazione: sono oggettive le difficoltà che hanno contraddistinto l’avvio della nuova piastra. La qualità dell’accoglienza deve essere complessiva – commenta Pastorino -. Resta comunque positiva la riunificazione dei reparti oncologici in una sola infrastruttura, nella quale convivono farmacia, laboratori di analisi e somministrazione delle terapie. Una soluzione moderna e in linea con le attuali esigenze. Che però andrà ancora migliorata".

"Senza dubbio verificheremo gli impegni presi quest’oggi dall’assessore: più accoglienza, più informazione e maggiore precisione negli orari; e verificheremo che tali condizioni si realizzino prontamente – conclude Pastorino -. Gli operatori sanitari sono un’eccellenza, a tutti i livelli. Non sta lì che il problema. Il problema è invece di carattere organizzativo".     

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium