/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 09 marzo 2019, 17:27

Villa Imperiale, Ferrante: "Tursi si occupi di tutti i quartieri, i cittadini di San Fruttuoso pagano e tasse come gli altri"

Il presidente del Municipio Ferrante: "Villa Imperiale ha un parco storico di 400 anni che ha pari dignità dei giardini di Nervi, vogliamo dei giardinieri fissi come sono stati assegnati ai parchi del centro città"

Villa Imperiale, Ferrante: "Tursi si occupi di tutti i quartieri, i cittadini di San Fruttuoso pagano e tasse come gli altri"

Presidio e volantinaggio oggi davanti a Villa Imperiale, nel quartiere di San Fruttuoso; l'iniziativa promossa dal Pd è un vero e proprio grido d'allarme rivolto al Comune per le condizioni di incuria e abbandono che affliggono Villa Imperiale, che, oltre al parco storico, ospita anche la biblioteca Lercari.

"Villa Imperiale versa nel'abbandono più totale - spiega il presidente del Municipio Bassa Val Bisagno Massimo Ferrante -, gli unici interventi realizzati in questi anni, come la riparazione dei bagni e la risistemazione del giardino di ingresso, sono stati realizzati dal Municipio. Questo fino a quando avevamo un bilancio intorno agli 800 mila euro: attualmente il nostro budget è stato ridotto dal sindaco a 280 mila euro, quindi noi non possiamo più intervenire su aree di cui non abbiamo competenza diretta, come invece abbiamo fatto nel passato. Nella villa storica dovrebbe operare Aster ma è palese che non lo faccia. Può anche essere giusto che il sindaco decida di centralizzare maggiormente le competenze e i fondi, ma pretendiamo dia seguito agli impegni".

Ferrante spiega che in effetti i Municipi hanno la competenza della manutenzione sulle aree pubbliche inferiori a 3 mila metri quadrati di estensione, e quindi Villa Imperiale ricade sotto la responsabilità diretta del Comune, che si dovrebbe occupare, attraverso Aster, di manutenzione e fruibilità.

"Villa Imperiale - prosegue Ferrante - si trova in una situazione grave di incuria, sono mesi che facciamo pressione sul Comune, e dopo tre mesi di iniziative e mozioni siamo riusciti, insieme all'assessorato, a sviluppare un protocollo di intesa finalizzato a portare gli studenti dell'istituto Marsano a realizzare un percorso di alternanza scuola lavoro nel parco. Da venerdì i ragazzi ci aiutano a manutenere l'area, ma si tratta solo di un palliativo, questa non può da sola essere la risposta all'esigenza di lavori e cura".

In effetti il problema del parco e di Villa Imperiale è sentito dagli abitanti del quartiere, che diverse settimana fa hanno anche inscenato una protesta con tanto di striscione che si rivolgeva direttamente all'amministrazione di Palazzo Tursi, ricordando che non esistono cittadini di serie A e di serie B: "Recentemente l'amministrazione comunale ha informato attraverso l'assessore Fanghella che avrebbero messo due giardinieri fissi sui parchi di Nervi e quelli del centro cittadino - ricorda Ferrante -: questa notizia ha creato molto malcontento fra gli abitanti di San Fruttuoso, e un mese fa infatti è stato anche appeso uno striscione dai cittadini. Chiediamo un trattamento uguale a quello degli altri parchi cittadini, Genova dovrebbe essere un'unica città, che tratta in maniera equa i vari quartieri. Villa Imperiale ha bisogno di cura e attenzione esattamente come i giardini di Nervi o con i parchi del centro. Si tratta dell'unico parco di un'area di 80 mila abitanti, che è un settimo della popolazione di Genova, e la situazione è ormai evidentemente fuori controllo, siamo vicini al punto di non ritorno".

Il parco ha diverse criticità di tipo strutturale come muri pericolanti, pavimentazioni da ripristinare, ringhiere da sostituire e alberature storiche bisognose di interventi, ma secondo il presidente del Municipio ora il problema riguarda anche la frequentazione del posto, che necessiterebbe qualche controllo in più da parte delle forze dell'ordine: "Le condizione di fruizione del parco sono molto peggiorate - racconta Ferrante -. Il personale di polizia municipale in servizio sul municipio è stata molto ridotto per andare a risolvere le criticità poste dovute al crollo del ponte Morandi, e alla repressione degli illeciti i centro e a Sampierdarna. Visto che la nostra è una zona più tranquilla il  nostro distretto è stato lasciato ai minimi termini come personale, e i vigili fanno quello che possono: siamo passati da 42 agenti a meno di 29. C'è una mancanza di rispetto delle regole diffusa, in pochi usano l'area adibita ai cani per liberare i propri animali, e poi molti individui allontanati dal centro storico con l'utilizzo del Daspo Urbano, spesso con problemi, in situazione di disagio sociale o inclini ad atteggiamenti molesti, sono arrivati nella nostra zona, popolando il parco".

"Ci vuole più controllo su Villa Imperiale - conclude Ferrante -, una manutenzione seria e programmata con dei giardinieri fissi, perché da anni sulla villa non c'è un centesimo a disposizione, e bisogna che Aster intervenga sul serio sulle alberature. Ora abbiamo gli studenti del Marsano che ci aiutano, benissimo, ma non si tratta che di un palliativo".

Carlo Ramoino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium