/ Eventi

Eventi | 16 marzo 2019, 08:30

A Genova il convegno "Adolescenza, terra di mezzo" sul legame tra denaro, social media e disturbi comportamentali

L'appuntamento è per giovedì 21 marzo nella Sala Piramide dell'Agenzia delle Entrate di via Fiume

A Genova il convegno "Adolescenza, terra di mezzo" sul legame tra denaro, social media e disturbi comportamentali

Giovedì 21 marzo, dalle ore 8.30 alle 18.00, nella Sala Piramide dell’Agenzia delle Entrate si terrà la IV edizione del convegno Adolescenza, terra di mezzo che quest’anno si concentrerà sul tema Psicopatologia in adolescenza: diagnosi, cura e suggestioni sociali. Gli Enti organizzatori sono Istituto Giannina Gaslini, Università degli Studi di Genova e Cooperativa Lanza del Vasto

Fra i relatori figurano: l’economista Ilaria Bifarini con la lectio magistralis “Adolescenza economia e social media: influenze e interferenze sociali sullo sviluppo psicologico”, il presidente del Tribunale dei Minori di Genova Luca Villa con l’intervento straordinario “Il ruolo del Tribunale per i Minorenni”, oltre al professor Lino Nobili (“Disturbi del sonno in adolescenza  e interventi terapeutici”), la dottoressa Maria Stella Vari (“Disturbi del comportamento: fattori di rischio, prognosi e intervento”), le dottoresse Irene Serio e Paola Lanteri (“L’autolesionismo oggi: dalla clinica alla ricerca sul cutting”). La giornata si chiude con una tavola rotonda sul ruolo degli ospedali e delle comunità terapeutiche.

La giornata di studi nasce, anche quest’anno, dall’esperienza della comunità “L’impronta”, fondata dalla cooperativa sociale Lanza del Vasto nel 2014 e diretta dallo psicoterapeuta Velio Degola, che con il suo staff di operatori socio sanitari ha messo la sua esperienza al servizio dei ragazzi dai 13 ai 18 anni che manifestano disturbi del comportamento accanto a marcate difficolta socio familiari. I disturbi sono sempre più frequenti in adolescenza e l’approccio al grave fenomeno che la Cooperativa Sociale Lanza del Vasto ha voluto dare è quello affettivo relazionale, senza ovviamente escludere interventi medico specialistici e terapie farmacologiche, agendo in una dimensione multidisciplinare, preventiva e contenitiva anche dei costi sociali. Il lavoro svolto all’interno della struttura residenziale “L’Impronta” è svolto da educatori professionali, tecnici della riabilitazione psichiatrica, infermieri, Neuropsichiatri e psicoterapeuti.

La sfida consiste nell’attuare un’azione di reale prevenzione, facendo luce su una zona grigia che spesso viene ignorata ma che rappresenta una fase determinante per il futuro dei soggetti potenzialmente a rischio e per la società tutta. L’analisi condotta sul campo quest’anno mette in evidenzia come i disturbi comportamentali degli adolescenti sempre più siano da mettere in correlazione con gli aspetti economici e finanziari, non solo per gli aspetti di macro sistema socio sanitario ma per l’impatto forte sulla singola fragile personalità in sviluppo dell’adolescente a rischio.

Questo approccio al fenomeno sarà analizzato anche dal punto di vista economico da Ilaria Bifarini, economista. Sempre più spesso, infatti, i soggetti fragili concentrano la loro attenzione sul possesso di beni e sul denaro, considerano il potere economico che riescono ad esprimere come rappresentazione illusoria della loro identità.

 

 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium