/ Genova

Genova | 24 marzo 2019, 10:20

“Low Tide”: il nuovo singolo degli Eugenia Post Meridiem che anticipa l’album di debutto

La band genovese lancia il brano prima di “In Her Bones” per Factory Flaws. E il 24 maggio ospiti sul palco del Miami Festival di Milano

“Low Tide”: il nuovo singolo degli Eugenia Post Meridiem che anticipa l’album di debutto

 

Ci siamo. Li attendevamo da gennaio, quando li abbiamo conosciuti nell’intervista in cui si sono genuinamente raccontati, e adesso - finalmente - gli Eugenia Post Meridiem ci hanno fatto un regalo bellissimo. Venerdì 22 marzo hanno infatti presentato per l’etichetta Factory Flaws il loro primo singolo “Low Tide” come anticipazione dell'album di debutto “In Her Bones”, registrato la scorsa estate presso il Big Snuff Studio di Berlino.

Un brano dal forte carattere e un sound che attraversa Rock, Pop Soul, Indie, Folk e New Psych, regalando una vera e propria esperienza musicale, quasi ipnotica. Di fronte a un gioiello nostrano di rara qualità melodica, la band riesce a portarci metaforicamente in quel dondolio di piccole onde che durante la bassa marea spogliano gradualmente i litorali.

Ed è proprio lì, dove il mare si ritira lasciando il fondale scoperto quasi a svelare timidamente una piccola meraviglia, che colloco metaforicamente gli Eugenia Post Meridiem e la loro musica. Gruppo di artisti (e di intimi amici) che, con questo brano, si sono dimostrati dei grandissimi professionisti.

"Low Tide" è il primo capitolo degli Eugenia Post Meridiem, un brano che anticipa e presenta il mondo della giovanissima band: dalla voce trasparente e al tempo stesso profonda e riconoscibile di Eugenia ad un sound in cui si sentono forti le influenze anglosassoni della scena indie e folk. "Low Tide" è una canzone volutamente lineare e compatta. Con la sua struttura circolare vuole rievocare il ciclo millenario che porta l'uomo a confrontarsi con il mondo circostante, l'impatto che quest'ultimo ha nella vita interiore di ognuno, un rapporto che continua ad evolversi dove la fine combacia con l'inizio, il ritorno con la nascita.

"In questa prigione senza tempo - spiega Eugenia - l'arte e la bellezza ci fanno ritornare a noi stessi nelle trasformazioni che esse apportano all'interiorità, destandoci in brevi lampi di lucidità dall'impatto ipnotico del mondo circostante che, dai primissimi attimi della nostra esistenza, continua a stordirci. Low tide è il suono, il rombo di quel senso di eternità che accompagna l'uomo nella storia."

Gli Eugenia Post Meridiem, inoltre, sono stati annunciati tra gli ospiti del Mi Ami Festival 2019, festival milanese che si terrà dal 24 al 26 maggio e che da sempre consacra le nuove promesse del panorama musicale italiano.

Ascolta Low Tide qui.

Giovanna Ghiglione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium