/ Economia

Economia | 24 marzo 2019, 18:15

Gemellaggio Portofino-Courmayeur, asse tra Liguria e Valle d'Aosta: ora sono più vicine

All'evento hanno partecipato il commissario di Agenzia “In Liguria” Giampellegrini, il governatore ligure Toti, l'assessore regionale Berrino e il viceministro delle infrastrutture e dei trasporti Rixi (VIDEO)

Da sn Matteo Viacava, Giovanni Berrino, Giovanni Toti, Edoardo Rixi, Pietro Paolo Giampellegrini, Laurent Vierin, Emily Rini, Stefano Miserocchi

Da sn Matteo Viacava, Giovanni Berrino, Giovanni Toti, Edoardo Rixi, Pietro Paolo Giampellegrini, Laurent Vierin, Emily Rini, Stefano Miserocchi

"Il gemellaggio tra Courmayeur e Portofino ha grandi potenzialità di sviluppo: due eccellenze italiane che insieme possono raggiungere importanti risultati a livello turistico ed economico, oltreché come scambio solidale". Lo ha dichiarato oggi sabato 23 marzo l'assessore regionale al turismo, Laurent Viérin, durante 'Surf the Mountain' presentazione-evento dell'asse turistico-commerciale avviato tra le due località turistiche valdostana e ligure, svoltosi al Pavillon del moderno impianto funiviario SkyWay a Courmayeur.

All'evento hanno partecipato il commissario di Agenzia “In Liguria” Pietro Paolo Giampellegrini; Giovanni Toti, Presidente della Regione Liguria; Emily Rini, Presidente del Consiglio regionale della Valle d'Aosta; Giovanni Berrino, assessore al Turismo Regione Liguria; Matteo Viacava, sindaco di Portofino; Laurent Viérin , assessore regionale al Turismo VdA; Edoardo Rixi, viceministro delle infrastrutture e dei trasporti; Stefano Miserocchi, sindaco di Courmayeur e Federica Bieller, presidente di SkyWay Monte Bianco. "La Valle d'Aosta - ha aggiunto Vierin, rivolgendosi ai rappresentanti dell'amministrazione ligure - è da sempre molto legata alla Liguria. Ricordo il gemellaggio tra il Cristo delle vette e il Cristo degli abissi. Voi siete il nostro mare e noi siamo la vostra montagna. Oggi vi ospitiamo con i vostri eccellenti prodotti nel massiccio del Monte Bianco, quest'estate vorremo essere a Portofino a presentare la nostra offerta enogastronomico e le nostre eccellenze ambientali".

.

Richiesta ben accolta da Giampellegrini che ha ricordato come "la Valle d'Aosta e la Liguria promuovono un turismo sano ed ecocompatibile, abbinato a peculiarità enogastronomiche di alto profilo". Il Presidente Toti ha ricordato che "la riapertura della strada che collega Santa Margherita a Portofino dopo mesi di stallo dovuto ai lavori seguiti alla calamità naturale rappresenta il miglior auguro di un proficuo gemellaggio. Il 6 aprile Portofino sarà in festa e riaprirà le proprie porte: aspettiamo lì i nostri amici valdostani".

A promuovere e seguire il progetto di gemellaggio tra le due località è stato il consigliere regionale Jean Barocco (Uv), quando l'estate scorsa, poco dopo la tragedia del ponte Morandi, si attivò con la Proloco di Quart in diverse iniziative solidali verso la popolazione ligure. I sindaci di Portofino e di Courmayeur dal canto loro hanno assicurato massimo impegno per rafforzare di qui ai prossimi anni un rapporto sinergico e di amicizia tra i due comuni "così simili per straordinaria bellezza e peculiarità naturali che talvolta rendono difficili i rapporti con le Istituzioni statali (Viacava)".

La Presidente del Consiglio Valle, Emily Rini, ha detto di provare "emozione per trovarmi insieme a persone che, al di là delle ideologie politiche e delle opinioni personali, operano in sinergia tra loro per il bene esclusivo delle loro comunità".

Parlando di "Liguria casa dei valdostani" l'assessore Berrino ha proposto di saldare il gemellaggio "con iniziative concrete quali ad esempio la proposta di un pacchetto vacanza 'neve-mare', cioè una settimana bianca e una sulle nostre spiagge".  

Il viceministro Edoardo Rixi ha invece posto l'accento sull'importanza "che dall'asse tra queste due piccole ma grandi realtà quali Courmayeur e Portofino, ovvero la Valle d'Aosta e la Liguria, nasca un'intesa sinergica in grado di saper approfittare al meglio dei progetti europei Alcotra di rilancio delle economie turistiche locali".

Comunicare la rinascita della Liguria del turismo dopo mesi di buio era certamente l'obiettivo principale di “'the Mountain' ma certamente l'accordo di collaborazione tra Portofino e Courmayeur, che esprime un potenziale ancora tutto da sfruttare, guarda a una politica turistica 'nuova' e capace di attrarre turismo locale e straniero tramite - come hanno confermato tutti i relatori - una sagace 'contaminazione' e scambio di eccellenze ambientali, culturali ed enogastronomiche.

Le video-interviste ad alcuni artefici dell'iniziativa:

Patrizio Gabetti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium