/ Politica

Politica | 09 aprile 2019, 18:28

Autista bus positivo all’alcol test, interrogazione di Ardenti (Lega) in Regione: "Ferrei controlli in tutta la Liguria, seguire le disposizioni della nuova circolare del ministro Salvini"

Ardenti: "Un plauso a nostri agenti della Polizia Stradale che a Savona hanno impedito che 50 bimbi salissero su un autobus, il cui conducente è risultato positivo al test dell’etilometro”

Autista bus positivo all’alcol test, interrogazione di Ardenti (Lega) in Regione: "Ferrei controlli in tutta la Liguria, seguire le disposizioni della nuova circolare del ministro Salvini"

Un plauso a nostri agenti della Polizia Stradale che a Savona hanno impedito che 50 bimbi salissero su un autobus, il cui conducente è risultato positivo al test dell’etilometro” ha affermato oggi il vice capogruppo regionale Paolo Ardenti (Lega) che a seguito dell’episodio ha presentato un’interrogazione al presidente e alla giunta di Regione Liguria.

“I gravi fatti, purtroppo avvenuti in passato - ha aggiunto Ardenti - impongono che siano adottate tutte le dovute cautele e, in particolare, che sia sempre verificato il possesso e la permanente validità di tutti i documenti abilitativi necessari per lo svolgimento dell’attività di conducente di autobus, che deve essere espletata con zero tasso alcolemico nel sangue.

A Savona è stato possibile fare i controlli e quindi prevenzione anche grazie alla nuova circolare del ministro dell’Interno Matteo Salvini, che tra le altre cose raccomanda alle autorità competenti di verificare il possesso e la permanente validità di tutti i documenti abilitativi per lo svolgimento del trasporto di persone.

In particolare, ogni qualvolta venga affidato all’esterno il servizio, il ministro Salvini ha raccomandato massimo rigore e di espletare puntuali accertamenti sui requisiti del personale preposto alla guida (idoneità fisica e psicoattitudinale) assumendo idonee iniziative per scongiurare il verificarsi di azioni criminose o, comunque, illecite e a rischio per i nostri figli.

In tal senso, le Prefetture sono state invitate a convocare le cosiddette Conferenze provinciali permanenti, allargate alle amministrazioni locali interessate.

Pertanto, ho depositato un’interrogazione per sapere se l’amministrazione regionale sia stata interessata dalle autorità competenti per affrontare il tema trattato dalla nuova circolare del ministro Salvini.

I nostri figli vanno protetti sempre e occorre proseguire sulla strada di ferrei controlli in tutta la Liguria, senza concedere sconti a nessuno”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium