/ Innovazione

Che tempo fa

Cerca nel web

Innovazione | 17 aprile 2019, 16:23

Sveva Bollini unica italiana dell'European Society of Cardiology Scientists of Tomorrow Nucleus

La docente di Biologia Sperimentale dell’Università di Genova, è tra i 6 membri del comitato internazionale “ESC Scientists of Tomorrow Nucleus”, la sezione della società che ha il compito di promuovere la comunicazione e la divulgazione della ricerca di base fra i giovani studiosi e ricercatori, nell’ambito delle possibili applicazioni terapeutiche in campo cardiovascolare

Sveva Bollini unica italiana dell'European Society of Cardiology Scientists of Tomorrow Nucleus

Nell’ambito della European Society of Cardiology (ESC), Sveva Bollini è l'unico rappresentante italiano tra i 6 membri del comitato internazionale “ESC Scientists of Tomorrow Nucleus”, con il compito di promuovere la divulgazione della ricerca di base fra i giovani studiosi e ricercatori, nell’ambito delle possibili applicazioni terapeutiche in campo cardiovascolare.

Sveva Bollini è docente di Biologia sperimentale all’Università di Genova, esperta nello studio delle cellule staminali per la medicina rigenerativa in particolar modo nel campo delle patologie cardiovascolari. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni scientifiche, alcune sono state tra le prime a trattare l’argomento delle cellule staminali umane; i risultati dei suoi studi ad Oxford sull’attivazione delle cellule cardiache e la loro partecipazione nei processi di rigenerazione del tessuto danneggiato da infarto, sono pubblicati su Nature (Smart N. & Bollini S. et al., Nature, 2011). Sveva Bollini ha lavorato come ricercatrice presso l’Institute of Child Health dell’University College di Londra e presso il Department of Physiology, Anatomy and Genetics della University of Oxford.

Rientrata in Italia ha scelto di lavorare all’Università di Genova grazie alla fervente attività di ricerca nel campo della medicina rigenerativa svolta nell’Ateneo dal gruppo del Prof. Ranieri Cancedda. Ha vinto nel 2018 uno dei finanziamenti dell’Università di Genova, per svolgere un progetto per la riattivazione della capacità di rinnovamento delle cellule cardiache, all’interno del programma “Curiosity Driven”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium