/ Politica

Politica | 23 aprile 2019, 10:22

Toti a FI e FdI: "Creiamo un nuovo soggetto politico su modello americano"

Toti sul Corriere della Sera: "Io chiamo tutti, singolarmente, a costruire qualcosa di nuovo. Ma la cosa che mi piacerebbe di più è che ci fosse anche Berlusconi in questo cammino"

Toti a FI e FdI: "Creiamo un nuovo soggetto politico su modello americano"

"FI, FdI, tutte le liste civiche che sono uscite dai partiti e hanno una loro forza autonoma, i movimenti, le associazioni, i singoli, senza bisogno di tessere, partecipino a un'assemblea costituente subito dopo le Europee, per arrivare a un confronto sulle idee e su regole che portino già in autunno a primarie che aprano una sfida democratica", afferma il governatore della Liguria Giovanni Toti in un'intervista al Corriere della Sera.

Quello che serve, secondo Toti, è "un nuovo atto fondativo, con idee innovative" e aggiunge: "Io sono amico di Salvini e con lui vorrei allearmi, ma restando competitivo e con una mia voce, non in posizione totalmente subalterna", e per farlo occorre "costruire qualcosa di completamente nuovo, non ristrutturare il vecchio. Azzerare le vecchie sigle, sciogliere contestualmente i marchi esistenti per confluire in un nuovo soggetto politico sul modello dei repubblicani e dei democratici americani".

Sullo scioglimento, afferma il forzista, "La Meloni è stata la prima a parlarne ad Atreju. Però non si può pensare ad un allargamento di FdI ai delusi azzurri, ad una nuova Alleanza nazionale. Bisogna andare oltre, anche come linea politica: io non penso che il sovranismo del 'piccolo e chiuso' sia migliore di un Paese che cresce con il 'grande e aperto'", evidenzia Toti. "Se ci si mette assieme bisogna trovare una piattaforma comune e smussare gli estremi, che pure hanno diritto di cittadinanza in un grande partito".

E conclude con una speranza: "Io chiamo tutti, singolarmente, a costruire qualcosa di nuovo. Ma la cosa che mi piacerebbe di più è che ci fosse anche Berlusconi in questo cammino, perché da chi come lui ha avuto l'intuizione del Pdl mi aspetto la consapevolezza che serve una novità molto più profonda di quella di un maquillage di partito. Serve un talent politico, una sfida che coinvolga tanti. Non so se in autunno o il prossimo anno, ma questa esperienza di governo finirà. Non facciamoci trovare impreparati".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium