/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 09 maggio 2019, 13:37

Lodi e Lunardon sulla demolizione del Morandi: "Manca chiarezza, Bucci convochi assemblea pubblica"

Gli esponenti del Partito Democratico: "Troppo poche le risorse per i risarcimenti. Bisogna aumentare il fondo in occasione della conversione in legge dello sblocca cantieri"

Lodi e Lunardon sulla demolizione del Morandi: "Manca chiarezza, Bucci convochi assemblea pubblica"

Gli esponenti del partito Democratico Cristina Lodi e Giovanni Lunardon hanno diffuso un comunicato stampa congiunta per chiedere a Marco Bucci, i, in qualità di commissario straordinario alla ricostruzione del ponte Morandi, di convocare un'assemblea pubblica al fine di chiarire modalità e tempi delle operazioni di demolizione di ciò che rimane del viadotto crollato lo scorso 14 agosto.

"Sul tema della demolizione del ponte Morandi, ancora una volta, il sindaco - commissario Bucci si sottrae al confronto - scrivono Lodi e Lunardon -. I cittadini, giustamente preoccupati per la loro salute, chiedono garanzie, informazioni e chiarezza sulle modalità di quest’intervento: verrà usato l’esplosivo? Cosa dicono Arpal e Asl? Sono risposte che non possono essere eluse. Il Partito Democratico già un paio di mesi fa aveva chiesto, con una lettera firmata dai capigruppo in Regione e Comune e indirizzata al commissario, che è anche il sindaco della città e ha doveri di trasparenza nei confronti dei cittadini, la convocazione di un’assemblea pubblica per aprire un confronto con gli abitanti. Oggi reiteriamo quella richiesta, perché non è possibile continuare a gestire una vicenda delicata come questa senza coinvolgere coloro che dovranno convivere con il cantiere della demolizione e della ricostruzione del ponte per almeno due anni e che, dal 14 agosto scorso, subiscono continui e forti disagi".

"Un'altra questione fondamentale resta la partita dei risarcimenti per i residenti della zona arancione - proseguono gli esponenti del Partito Democratico -. Il tavolo del Pris ha partorito un topolino, spostando di appena 5 metri i confini definiti pochi giorni fa. Il vero problema però sono i fondi. I 7 milioni stanziati dal Governo nel Decreto Sblocca Cantieri sono troppo pochi. Erano appena sufficienti quando, inizialmente, si era parlato di 300 famiglie, ora che il numero dei nuclei è triplicato (siamo a circa 900) servono maggiori risorse. Non si possono utilizzare le stesse di prima. Occorre lavorare tutti insieme per aumentare i finanziamenti nel corso della conversione in legge del Decreto Sblocca Cantieri. Il Pd si sta già muovendo in questa direzione. Ci auguriamo che anche Bucci faccia la sua parte".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium