/ Attualità

Attualità | 25 maggio 2019, 09:00

Design Week Genova: gli appuntamenti del week-end

La Design Week Genova coinvolge sessanta tra designer e aziende, che espongono i propri oggetti di design in più di cinquanta location (di cui 16 atri di palazzi storici, 13 del circuito dei Rolli)

Foto di Elena Insfascelli

Foto di Elena Insfascelli

La Design Week Genova coinvolge sessanta tra designer e aziende, che espongono i propri oggetti di design in più di cinquanta location (di cui 16 atri di palazzi storici, 13 del circuito dei Rolli). Previsto inoltre un calendario di 46 eventi collaterali, tra mostre, concerti, incontri e conferenze.

È la “chiaccherata da bar” con Riccardo Sirotti a inaugurare la giornata di eventi collaterali di sabato 25 maggio, alle 11 all’A Rumènta di via dei Giustiniani 71r. L’iniziativa vale 1 cfr per gli architetti partecipanti.

Sempre alle 11, in piazza dei Giustiniani comincia l’evento “Spolert radical grill”, dimostrazione e showcooking che dura fino alle 22.

Alle 15 e alle 20.30 si ripetono le passeggiate con Ferdinando Bonora alla scoperta del distretto del design, mentre alle 17 Anna Doria e le sue “Note musicali al pianoforte” animano piazza San Bernardo 24.

A Rumènta (via dei Giustiniani 71r) ospita alle 17 la conferenza “Articiocche” con Alberto Podestà e Luca Mazzari, mentre alle 18 va in scena la dAD conference “Cicno/Manifattura 2.0” in via Chiabrera 7 (piano nobile) con relatori Luca Parodi, Marco Parodi e Andrea Lovotti.

Da Valentino Arredamenti (piazza dei Giustiniani 6) alle 18 tocca alla musica dal vivo di un duetto di violino, mentre alle 18.30 A Rumènta ospita “Arte e design in pellicola”, proiezioni di filmati d’epoca, muti e sonori, della Cineteca D.W. Griffith.

Alle 18.30 in piazza dei Giustiniani 44r c’è l’aperitivo di presentazione delle cucine “The Cut”, mentre alle 19.30 in piazza Sauli il Plastic Onion Acoustic Trio si esibisce in un tributo ai Beatles e a John Lennon.

 

Domenica 26 maggio comincia in piazza Pollaiuoli con “Bibliocicletta 01 Tour”, progetto di Chiara Rolandi e Chiara Capitani. In piazza San Bernardo alle 11.30 tocca a “Mannerchor”, polifonia maschile dal Rinascimento a Poulenc dell’Ensemble Simone Molinaro.

Alle 15 (da piazza San Lorenzo) si svolge l’ultimo appuntamento con “Un’ora con Bonora”, passeggiata alla scoperta del Distretto del Design. A Rumènta ospita alle 15 la conferenza “Giancarlo De Carlo. Progettare la città storica” con relatori Emanuele Piccardo, Andrea Vergano, Mauro Moriconi e Lorenza Comino. La conferenza vale 2 cfr per gli architetti partecipanti.

Alle 17 in piazza San Bernardo 24 tocca alle “Note musicale al pianoforte” di Anna Doria, mentre in via dei Giustiniani 19 (collettiva Designer) va in scena “The ephemeral shadow. Performance a sorpresa” di Lilliana Iadeluca in collaborazione con Chiara Costa.

Nello spazio espositivo di Marina Bozzo (via dei Giustiniani 23/27r) alle 17 si svolte “Profumo di parquet: pavimento in legno”, mentre alle 17.30 A Rumènta ospita la conferenza “La terza pelle. La bioedilizia nell’architettura moderna”, con intervento di Reinhold Holzer in collaborazione con Gupacasanaturale. La conferenza vale 2 cfr per gli architetti partecipanti.

Il “Design nautico 2020” è al centro della dAD Conference delle 18 di Ivan Zignego (ore 18, via Chiabrera 7, piano nobile), mentre Matteo Orlandi racconta di “Passerelle volanti. Genova Camminando sospesi) al Paccottiglia Concept Store di via Canneto il Lungo 67r. Segue aperitivo con il curatore.

Alle 18 da Schenone Arredamenti (via dei Giustiniani 18b) tocca al concerto “Luna Quart, musica anni ‘20/’40”, mentre alle 19 va in scena un brindisi di saluto a sorpresa. Chiude il calendario di eventi collaterali la dAD Conference di lunedì 27 maggio (ore 12, via Chiabrera 7, piano nobile) “Comunicato il territorio e le istituzioni” di Enrica Bistagnino.

Inoltre, tutti i giorni dalle 18.30 gli espositori partecipanti organizzano eventi inaugurali diffusi, rimanendo aperti in via straordinaria. A Rumènta, sede di tutte le conferenze della Design Week Genova 2019, ha dedicato quattro cocktail e tre tapas allo stile italiano del design che ha fatto epoca: auto, lampade e poltrone, vere icone di funzionalità e bellezza.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium