/ Sanità

Sanità | 27 maggio 2019, 15:26

Rossetti sulla videosoorveglianza nelle strutture sociosanitarie: "Strutture liguri rischiano di perdere contributi statali"

Il conigliere regionale del Partito Democratico: "La giunta Toti e la maggioranza di centrodestra hanno impedito che la proposta del Pd arrivasse in discussione in aula"

Rossetti sulla videosoorveglianza nelle strutture sociosanitarie: "Strutture liguri rischiano di perdere contributi statali"

"Oggi la Giunta regionale e la maggioranza di centrodestra hanno impedito che arrivasse in Consiglio la proposta di legge del Pd con la quale si chiede la proroga all’aprile 2020 del termine per l’installazione dei sistemi di videosorveglianza nelle strutture sociosanitarie, in scadenza venerdì", denuncia il consigliere regionale del Partito Democratico Pippo Rossetti attraverso una nota stampa.

"Bastava convocare la Commissione Sanità alle 9 di questa mattina e portare la proposta di legge in aula, la seduta era votante, e avremmo potuto dare un po’ di respiro a queste strutture. Invece dopo tre anni e dopo una serie infinita di modifiche - prima si parlava di sistemi di audio-videosorveglianza, poi solo video - si legge sul documento -; prima erano da installare nei gabinetti e in camera da letto, adesso nei corridoi e in prossimità degli ingressi: insomma una gran confusione - la Regione impone di installare le telecamere entro pochi giorni, rischiando di far perdere alle strutture i finanziamenti previsti dal Governo per il triennio 2019/21. Quei soldi, infatti, non verranno assegnati retroattivamente e quindi chi oggi procede all’installazione della videosorveglianza obbedendo alla legge della Giunta Toti prima che la norma nazionale entri in vigore (magari con parametri differenti rispetto a quella locale) pagherà interamente i lavori, senza poter sperare in un aiuto da parte dello Stato. Perché la Giunta non vuole tenere "una finestra" aperta e consentire alle strutture di accedere ai contributi nazionali? È la seconda opportunità che si perde in poco tempo. Da tre anni, infatti, si chiede che la Regione attivi i fondi europei per sostenere il comparto sociosanitario".

"Basta andare sul sito di Filse per vedere le misure dei fondi dello Sviluppo Economico che hanno sostenuto la formazione professionale, il turismo, il commercio, l'artigianato, le piccole e le grandi imprese nei modi più diversi: contributi a fondo perduto, di rotazione o di garanzia per investimenti, per l'innovazione, l'energia - prosegue Rossetti -. Ma anche questa volta Viale e co. non hanno mosso un dito. E senza dirci perché. Se a ciò si aggiungono, poi, i ritardi ormai cronici di pagamento, il sistema contrattuale che fa produrre di più per essere pagati come prima e i frequenti ritardi negli invii dei malati da parte delle Asl nelle strutture viene da chiedersi cosa abbia fatto di male questo comparto per essere trattato in questo modo".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium