/ Politica

Politica | 11 giugno 2019, 18:39

Sanità: via libera a contributo di 150 mila euro per le farmacie disagiate

La vicepresidente della Regione Sonia Viale: "Lo spopolamento in alcune zone del nostro territorio può creare difficoltà di carattere economico alle farmacie, determinando una carenza del servizio di assistenza farmaceutica"

Sanità: via libera a contributo di 150 mila euro per le farmacie disagiate

Un contributo di 150mila euro per il 2019 a favore delle farmacie disagiate., rurali e non, per garantire una distribuzione sempre più capillare su tutto il territorio regionale. La Giunta regionale, su proposta della vicepresidente e assessore alla Sanità Sonia Viale, ha approvato oggi la delibera che prevede lo stanziamento delle risorse a favore di Alisa per il successivo trasferimento alle Asl.

“Lo spopolamento in alcune zone del nostro territorio – spiega la vicepresidente Viale - può creare difficoltà di carattere economico alle farmacie, determinando una carenza del servizio di assistenza farmaceutica. Da qui la necessità di garantire, attraverso la concessione di un contributo, la permanenza e la capillarità delle farmacie su tutto il territorio regionale. Una decisione – sottolinea - che è perfettamente in linea sia con quanto previsto nel Piano sociosanitario sulla ‘farmacia dei servizi’ sia con l’accordo triennale per la prosecuzione della distribuzione in nome e per conto dei farmaci salvavita che nel primo anno di sperimentazione ha migliorato la vita a migliaia di cittadini, facendo loro risparmiare tempo prezioso, chilometri e denaro”.

La delibera riguarda le farmacie a basso fatturato che abbiano realizzato un volume d’affari non superiore a euro 150mila euro, indipendentemente dal comune o centro abitato in cui si trovano. L’ammontare del singolo contributo dipende dal numero delle richieste pervenute e dal periodo e orario di effettiva apertura dell’esercizio. Per le farmacie che hanno iniziato l’attività nel corso dell’anno, il contributo è calcolato su base mensile. Nella delibera si sottolinea che lo stanziamento non è a carico del Fondo Sanitario Regionale ma che vengono utilizzati i fondi provenienti dalle Aziende farmaceutiche derivanti dall’applicazione del pay-back.

Sarà Alisa ad individuare le modalità di presentazione delle richieste di contributo e a provvedere alla liquidazione alle Asl degli importi richiesti fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium