/ Eventi

Eventi | 17 giugno 2019, 10:33

Notte di San Giovanni: torna il Ghost Tour Genova 2019

Domenica 23 giugno con gran finale con il falò in Piazza Matteotti

Notte di San Giovanni: torna il Ghost Tour Genova 2019

Domenica 23 Giugno per la Notte di San Giovanni torna il Ghost Tour 2019.

 

Alle ore 20,30 in Piazza Matteotti a Genova verranno distribuite gratuitamente fino ad esaurimento le Cartine  che serviranno per trovare  le piazza  ove si svolgeranno le performance fantasmatiche.

La partecipazione al Ghost Tour potrà essere svolta in forma, individuale o collettiva. Grazie all'utilizzo di una cartina, il visitatore potrà orientarsi nel groviglio dei carruggi genovesi trovare 13 piazze e assistere  alle  simpatiche performance svolte  in chiave: storica, teatrale, musicale e di danza.

Inoltre sono previsti anche un certo numero di accompagnatori  per coloro che non vorranno fare il percorso da soli.

Le performance verranno ripetute dalle ore 21.00 alle ore 23,30.

Il Ghost Tour  terminerà improrogabilmente alle ore 23,30 per permettere a tutti di raggiungere Piazza Matteotti dove alle ore 24,00 verrà acceso il Falò di San Giovanni.

 

Durante lo svolgimento del Ghost Tour, percorrendo i carruggi, si  potranno incontrare:

Federico II il Barbarossa e il guardiano della soglia,   imbattersi nelle vecchie megere che, fuggite da quel di Triora, si danno battaglia nei carruggi a colpi di incantesimi e sortilegi .  Quindi rimanere atterriti dall'inquietante presenza di Alessandro Stradella che ogni anno compare nella piazza a lui fatale di Banchi.  E ancora incontrare Nicolò Paganini o la dama nera punita per aver violato i suoi voti con un peccato di adulterio.  I più intrepidi, potranno, se fortunati, imbattersi nello spettro dell'abate Maggiolo  noto come l'ossesso di Murta.

 

 

 

Il pubblico potrà chiedere  informazioni fino alle ore 12,00 del 23 giugno scrivendo  un Email all'indirizzo fondazioneamon@live.it

 

La cartina potrà essere scaricata dal sito www.ghosttour.it

 

Tappe del Ghost Tour:

 

1) Federico Barbarossa e il Guardiano della soglia - Porta Soprana (angolo Via del Colle)

Edificata attorno al 1155 per prevenire un’invasione da parte dell’imperatore Federico I, detto il Barbarossa, Porta Soprana è stata uno dei principali varchi della città. La leggenda ci racconta che fu imprigionato sulla sua soglia, da un potente alchimista, lo spirito di un tremendo guerriero, che ebbe sacrificata la vita.

Associazione Culturale D & E Animation 

 

2) Fuochi Santi e Porcelli - Piazza del Ninfeo (accesso suggerito in cima Salita Fava Greca)

Il solstizio d'estate segna il punto più saliente del cammino del sole; da questa  data in poi i giorni si accorciano. Il fuoco dunque "sigilla" e conserva fin dall'antichità la speranza degli uomini, che il sole continui a sorgere.

A questa festa di matrice pagana, si è sovrapposta poi quella di San Giovanni il Battista che, sta scritto, nacque attorno al solstizio d'estate. Ma vi è anche un altro Santo, che si dice sia stato invocato affinché il sole e il fuoco continuasse a scaldare il focolare degli uomini: Sant'Antonio Abate.

Compagnia Shams diretta da Enrica Ricciardi

 


3) La voce di Paganini - Giardini Baltimora (Trogoli del Barabino)

Una triste ma incantata melodia è quella che si può udire nei pressi di codesto luogo. E’ l’eco della musica del celebre violinista Paganini che in zona aveva dimora. Dal 1970 le struggenti note si sono fatte più intense a testimoniare il disappunto verso una città che non ha saputo conservagli la casa natale. La costruzione scomparve nel 1970 quando fu demolito il già citato quartiere con la strada ove sorgeva, Passo gatta Mora

Ivaldo Castellani con Eliano Calamaro, Coreografie a cura Gruppo Tribal Delight

 


4) La Legenda del Ponte di Zan - Campo Pisano

Nel pressi del castello della Pietra vi è il Ponte di Zan, che la leggenda dice, essere stato costruito dal diavolo in una sola notte in cambio, della prima anima che lo avrebbe oltrepassato a lavori ultimati.

Gruppi Storici Corte Fieschi, Doria, Balestrieri San Giorgio, Fieschi di Roccatagliata

 


5) Il Mistero della Dama Bianca - Piazza Sarzano (davanti Aula Magna Architettura

Si racconta che nell’ex chiesa di San Salvatore (costruzione del 1190), ora facente parte del complesso universitario, vi sia nascosto un immenso tesoro, un bottino di guerra nascosto dai soldati tedeschi prima di lasciare la città nell’aprile 1945. Si dice anche che lo spirito di una magnifica Dama Bianca ne sia la custode e che ella, conceda solo ai meritevoli il privilegio di poterlo trovare.

Compagnia Scena Difforme

 

 


6) El leon de San Marco - Piazza Gustiniani

Una figura furtiva si aggira per le strade della città vecchia … cosa succederà se avrà la ventura di imbattersi nei nobili membri della famiglia Giustiniani, che ebbero un ruolo di rilievo nella famosa guerra di Chioggia alla fine del sec. XIV? E quale misteriosa storia si cela dietro il rilievo tuttora esposto nella facciata del palazzo di famiglia, raffigurante il Leone di San Marco? I protagonisti stessi della vicenda lo racconteranno ai passanti in piazza Giustiniani …

Associazione Culturale Ianua Temporis,

 


7) Musica, canzoni, balli e colori della vecchia Genova - Piazza Scuole Pie

Costumi, canzoni, balli e musica ci riportano a un tempo passato quando i pescatori  e le loro dame festeggiavano cantando  fra le crose della Vecchia Genova. Un bicchiere di vino e tanta allegri,  quando non accadevano tragedie, che magari poi magari avevano un  lieto fine.

Nuovo Gruppo Folcloristico Città di Genova, s

 


8) Monete Bollenti - Piazza dei Garibaldi

Nel 1590 due anziane streghe sfuggono alle persecuzioni del ponente ligure e trovano scampo nei vicoli di Genova, dove la loro rivalità prenderà vita con colpi e contro colpi di magie e incantesimi. Alla fine però si riveleranno più complici che rivali.

Graziella Martinoli, Bianca Podestà, Maria Teresa Carratù, Rossana Malandrino  


9) Una Contesa a Palazzo - Cortile Palazzo Tursi, Via Garibaldi 9

Due dame dell’alta nobiltà genovese, tale Brigida Grimaldi e Teresa Sauli, si sfidano a un duello all’ultimo sangue, fortunatamente interrotto dall’arrivo del Doge.

Motivo di tale contesa? Aggraziarsi la simpatia di un aitante cicisbeo.

Gruppi Storici  Sextum e Sestrese

 


10) Alessandro Stradella e la sua triste storia – Chiesa di San Pietro Piazza Banchi

In Piazza Banchi, fulcro delle attività commerciali cittadine, il cui nome deriva dai banchi dei cambiavalute molte furono le tragedie accadute. Il 28 febbraio 1682 il celebre musicista Alessandro Stradella perse la vita per mano di due sicari armati dalla famiglia Lomellini, che poco gradivano la tresca dell’artista con una donzella del loro casato. Morì velocemente con un colpo di “misericordia”, un pugnale che non lascia scampo alcuno. Ma sarà questa la verità?

Francesco Pittaluga con Paolo Zebolino 

 

 


11) La legenda della misteriosa Dama Nera - Piazza Santa Maria in Passione

Si racconta che in questa zona, di notte, è possibile scorgere la sagoma di una donna ammantata da un velo nero, che vaga tenendo stretto al petto tra le sue braccia un fagotto, forse il frutto del suo peccato d’adulterio. Chi l’ha incontrata afferma che nonostante non proferisca parola sembra che cerchi disperatamente aiuto. Si dice sia l’anima inquieta di una religiosa che cerca, inutilmente, di salvaguardare un bimbo, che forse non ha mai visto la luce. 

Lucia Vita con Orientaldace di Mahalia del Centro Studi Mojud

 


12) L’Abate Maggiolo, l’Ossesso di Murta  - Piazza San Matteo

Correva l’anno 1778 e a tal Abate Bartolomeo Maggiolo sacerdote del clero secolare, accadde qualcosa di veramente sconvolgente. Il prelato cominciò a esprimersi in  una lingua della quale non si capiva l’espressione idiomatica. I più dotti tra gli ecclesiastici decretarono l’oscura sentenza: l’abate era posseduto dal Demonio

Gruppi Storici Gatteschi e Viandanti, 

 


13) C’era Una Volta Una Certa Genova - Piazza Renato Negri 

La Cheuilla, via Madre di Dio, la casa di Paganini… un paese nella città, che fu cancellato alla fine degli anni 60, del secolo scorso. Un breve quadretto di come si viveva da quelle parti prima della deportazione nei nuovi quartieri alle spalle di Genova. Una scenetta dolce e amara, che ricorda un piccolo mondo perso per sempre.

Compagnia Stabile del teatro R. e G. Govi 

 

 

Con la partecipazione dei Gruppi Storici: Voltri, Praese, Pro Loco Centro Storico

 

Conducono il Ghost Tour: Alessandro Ravera, Paola Pettinotti, Roberta Mazzucco, Enrica Sebastiani, Rosanna Villa, Rossella Traverso, Otello Parodi, Rita Paglia, Claudio Pittaluga, Matteo Marino, Marco Alex Pepè.

Ore 24,00 in Piazza Matteotti Accensione del Falò di San Giovanni e a seguire Intrattenimento musicale con Filippo Gambetta E Sergio Caputo.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium