/ Cronaca

Cronaca | 19 giugno 2019, 14:20

I sindacati denunciano: "Per la ricostruzione del Morandi non un posto di lavoro in più sul territorio"

E i rappresentanti dei lavoratori chiedono un incontro al sindaco e commissario Bucci per focalizzare il tema e trovare delle risposte per i lavoratori

I sindacati denunciano: "Per la ricostruzione del Morandi non un posto di lavoro in più sul territorio"

Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil hanno  firmato una nota stampa in maniera unitaria per denunciare l'assenza di alcuna ricaduta occupazionale sul territorio a seguito delle attività di cantiere per la demolizione e ricostruzione del ponte Morandi.

"La ricostruzione di Ponte Morandi - si legge nel comunicato stampa - rappresenta una rinascita per la città e c'era stato assicurato, messo anche nero su bianco, che ci sarebbero state ricadute occupazionali per l'edilizia ligure: ad oggi non c'è un posto di lavoro in più e nessuna risposta". I rappresentanti dei lavoratori denunciano quella che secondo loro è una chiara violazione del protocollo d'intesa sottoscritto lo scorso 13 marzo con la società PerGenova.

Proprio per questo motivo i sindacati chiedono un incontro urgente al commissario per la ricostruzione e sindaco di Genova Marco Bucci e alla stessa PerGenova.

"Nella nostra regione ci sono professionalità e competenze: chiediamo soltanto che siano mantenuti gli impegni di creare occupazione e opportunità per le imprese del territorio - aggiungono e organizzazioni sindacali -. Vogliamo risposte per il settore edilizio che già sta pagando dazio per il blocco della realizzazione delle grandi infrastrutture del nostro territorio. Ci aspettiamo una convocazione in tempi rapidi".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium