/ Politica

Politica | 21 giugno 2019, 16:25

Il Pd chiede di fare in fretta con la bonifica dell'ex centrale termica di Cornigliano

"Dopo 14 anni si proceda alla bonifica. Nell'edificio accanto allo stabilimento anche fibre di amianto"

Il Pd chiede di fare in fretta con la bonifica dell'ex centrale termica di Cornigliano

“L’accordo di programma del 2005 venga attuato interamente e si proceda alla bonifica della ex centrale termica di Cornigliano, un edificio in stato di abbandono da ben 14 anni, che contiene coibentazioni, quadri elettrici e altri manufatti industriali con fibre di amianto”. A chiederlo con tre diverse mozioni presentate rispettivamente in Regione, Comune e Municipio sono i gruppi consiliari del Partito Democratico della Liguria, di Genova e del Medio Ponente.

“Chiediamo alle tre istituzioni – spiegano i consiglieri del Pd – di intervenire affinché questi lavori vengano avviati al più presto. L’ex centrale occupa una superficie di circa 13 mila metri, più uno spazio esterno altrettanto ampio. E vista la presenza di amianto all’interno dell’edificio c’è un rischio per la salute delle persone che lavorano nello stabilimento siderurgico lì accanto. Il tema è già stato sollevato dai sindacati con una lettera inviata, fra gli altri, anche al ministro dello Sviluppo, e crediamo sia giusto e sacrosanto dare una risposta alle loro richieste”.

L’ex centrale termica è un “residuo” della lavorazione a caldo chiusa definitivamente nel 2005 con l’accordo di programma e visto che tutti i sottoscrittori di quell’intesa, compresa la nuova proprietà Arcelor Mittal, continuano i consiglieri del Partito Democratico, “sono tenuti al rispetto degli impegni previsti, fra cui, in particolare, la realizzazione di interventi di bonifica, risanamento, razionalizzazione e valorizzazione delle aree dismesse, per favorire l’insediamento di attività industriali non inquinanti nonché l’installazione di aree verdi e l’offerta di nuovi servizi alla cittadinanza, chiediamo che il superamento della lavorazione a caldo nello stabilimento siderurgico di Cornigliano venga attuato nella sua interezza, in un quadro di certezza delle competenze e delle risorse disponibili, per procedere così al più presto alla realizzazione delle opere di bonifica della ex centrale termica dell’Ilva”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium