/ Attualità

Attualità | 25 giugno 2019, 16:28

Nuovo ponte, Toninelli a Genova: "Lasciamoci alle spalle il peggior esempio di incuria d'Italia"

Il Ministro: "Il sistema economico di Genova non è crollato col ponte grazie all'impegno dello Stato. Indennità di 7 milioni a chi deve sopportare i disagi"

Nuovo ponte, Toninelli a Genova: "Lasciamoci alle spalle il peggior esempio di incuria d'Italia"

"Dobbiamo lasciarci alle spalle il peggior esempio di incuria che ci sia stato in Italia", ha affermato il Ministro Danilo Toninelli dopo la cerimonia di inizio lavori alla nuova pila del viadotto sul Polcevera.

"Seguirò lo stato di avanzamento dei lavori fino alla primavera 2020 con l'inaugurazione del nuovo ponte - ha continuato - Ci sarà totale trasparenza in tutte le fasi della demolizione dal 28 giugno, ho avvisato il commissario Bucci".

"Oggi lo Stato ha dimostrato la più grande capacità di reazione mai vista. In poco più di un anno il ponte sarà di nuovo in piedi e sono state mantenute le promesse di stare dalla parte dei genovesi - ha concluso - come abbiamo dimostrato con 1 miliardo di euro destinato alla città, ai suoi lavoratori e al porto: il sistema economico di Genova non è crollato col ponte grazie a questo impegno. E abbiamo inserito la norma di indennità di circa 7 milioni di euro per le persone che devono sopportare questi disagi".

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium