/ Attualità

Attualità | 23 luglio 2019, 14:03

"Formarsi per competere", presentati a Cogorno i corsi per giovani inoccupati e disoccupati

L'assessore Berrino: "I servizi offerti sono gestiti da operatori certificati dalla Regione che sapranno orientare nella maniera migliore sia le persone in cerca di occupazione che le imprese nell'inserimento lavorativo dei candidati"

"Formarsi per competere", presentati a Cogorno i corsi per giovani inoccupati e disoccupati

Ieri, al Centro San Salvatore – Villaggio del Ragazzo di Cogorno, è stato inaugurato lo Sportello S.A.L. (Servizi al Lavoro), un nuovo grande spazio di oltre 110 mq dedicato alle aziende e alle persone in ricerca occupazionale, e sono stati presentati i percorsi formativi “Formarsi per competere” per l’inserimento lavorativo di giovani disoccupati e inoccupati, finanziati da Regione Liguria tramite il Fondo sociale europeo 2014-2020 (ASSE I - Occupazione).

Presenti all’evento Ilaria Cavo (Assessore alla Comunicazione, Formazione, Politiche giovanili e Culturali di Regione Liguria), Giovanni Berrino (Assessore alle Politiche dell’occupazione, Trasporti, Turismo e Personale di Regione Liguria), autorità e aziende del territorio.

“Formarsi per competere’ è una delle 4 linee d’azione del Pacchetto Giovani, l’iniziativa di Regione Liguria finanziata con risorse del Fondo Sociale Europeo e rivolta ai giovani tra i 18 e i 29 anni. - spiega Ilaria Cavo, assessore all’Istruzione e alla Formazione di Regione Liguria - Il provvedimento è composto da 41 corsi di formazione e avvicinamento al mondo del lavoro, dedicati alle 34 professioni più richieste dal mercato del lavoro ligure. Da quando si è insediata questa giunta ha cercato di lavorare per implementare l’occupazione giovanile e lo ha sempre fatto con azioni concrete, ‘Formarsi per competere’ è sicuramente una di queste. È fondamentale dare ascolto alle aziende del territorio e cercare di formare le figure professionali del futuro in modo che siano in linea con le richieste del mercato lavorativo. Questa politica sta portando risultati sempre più tangibili e siamo decisi a continuare a portarla avanti con convinzione. Vogliamo investire sui giovani e vogliamo farlo anche nel campo della formazione: questo progetto nasce dal confronto con l’indotto di Fincantieri e la partenza del corso Supervisore di Produzione - Capo Barcadà una risposta precisa ai ragazzi e al territorio. Stiamo dalla parte dei giovani e lavoriamo per il loro futuro”.

"Inauguriamo uno sportello importantissimo che si rivolge a tutti i cittadini del territorio che hanno bisogno di un supporto per la scelta lavorativa e alle tante aziende locali che possono così più facilmente reperire le figure professionali di cui hanno bisogno – commenta Gianni Berrino, assessore regionale al Lavoro e alla Politiche attive dell’occupazione -. I servizi offerti sono gestiti da operatori certificati dalla Regione che sapranno orientare nella maniera migliore sia le persone in cerca di occupazione che le imprese nell'inserimento lavorativo dei candidati".

Il Villaggio del Ragazzo, in linea con le più recenti linee strategiche di Regione Liguria, si avvicina sempre di più al mondo del lavoro. Il Direttore del Centro di San Salvatore, Nicola Visconti,  citando il fondatore Don Nando che sosteneva che se ha uomo ha un lavoro ha risolto il 70% dei suoi problemi, ricorda quale importanza ha il lavoro nella formazione della persone: “Don Nando ha dedicato la sua vita occupandosi del problema del lavoro e dei giovani, oggi il Villaggio del Ragazzo sul solco del suo fondatore cerca di sviluppare ogni progettualità che permetta di mantenere viva la relazione tra formazione e lavoro offrendo opportunità a giovani e adulti per giungere ad una piena realizzazione di stessi. Anche Papa Francesco nell’Esortazione Apostolica post-sinodale CHRISTUS VIVIT sottolinea come la "mancanza di lavoro recide nei giovani la capacità di sognare e di sperare e li priva della possibilità di dare un contributo allo sviluppo della società... perché il lavoro per un giovane non è semplicemente un’attività finalizzata a produrre un reddito. È un’espressione della dignità umana, è un cammino di maturazione e di inserimento sociale, è uno stimolo costante a crescere in termini di responsabilità e di creatività, è una protezione contro la tendenza all’individualismo e alla comodità". Accoglienza, ascolto del bisogno, formazione mirata ed inserimento lavorativo: questo è il modello che oggi il Villaggio del Ragazzo propone e che ha consolidato come buona prassi territoriale. Con la presentazione dei percorsi nell’ambito dell’Avviso Formarsi per Competere, finanziati da Regione Liguria attraverso il fondo sociale europeo, è offerta ai nostri giovani una concreta possibilità occupazionale, infatti alla base dei corsi vi è un impegno delle aziende coinvolte ad assumere una quota significativa degli allievi formati”.

I nuovi locali dedicati allo Sportello “Servizi al Lavoro – SAL” sono stati allestiti in uno spazio completamente ristrutturato e rinnovato, la cui finalità è quella di favorire le possibilità di incontro tra le imprese e le persone alla ricerca di opportunità lavorative e di crescita professionale.

Lo Sportello Servizi al Lavoro – SAL, realizzato anche grazie al contributo dell’8X1000 Diocesi di Chiavari e dell’Associazione don Nando Negri Onlus, si pone l’ambizioso obiettivo di diventare un punto di riferimento territoriale per soddisfare le necessità del tessuto imprenditoriale locale e per fornire supporto e consulenza specialistica per chiunque voglia attivamente partecipare a un percorso di ricerca di lavoro.

La cura e gestione del servizio è affidata a operatori certificati a livello regionale per le loro comprovate competenze in tema di orientamento e accompagnamento al lavoro e per la pluriennale esperienza nella gestione di servizi finalizzati all’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Il percorso proposto si sviluppa attraverso un’iniziale fase di esplorazione e di analisi del fabbisogno del candidato che viene sostenuto nell’elaborazione del proprio progetto professionale e guidato alla scoperta degli strumenti e dei dispositivi di accompagnamento e transizione al lavoro.

In parallelo, lo sportello SAL offre analogo supporto alle imprese per facilitare il processo di inserimento lavorativo dei candidati, nonché, sfruttando il raccordo con le altre aree tecniche dell’ente, per consentire la crescita formativa e professionale attraverso l’accesso a percorsi di formazione continua per l’accrescimento delle competenze e delle skills possedute.

La mission generale dello Sportello Servizi Al Lavoro si integra perfettamente con gli obiettivi e le linee guida da sempre portate avanti dal Villaggio del Ragazzo, indirizzate alla crescita sociale e professionale delle persone, con un’attenzione privilegiata all’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro. 

 

-    Supervisore di Produzione - Capo Barca (800 ore)

Iscrizioni: dal 22 luglio 2019 alle ore 17.00 del 13 settembre 2019

Aziende coinvolte: Fincantieri spa

Accordo sindacale per l’inserimento del 35% degli allievi

Destinatari: 17 disoccupati, fino a 29 anni di età, residenti/domiciliati in Liguria, in possesso di Diploma (istituto tecnico tecnologico indirizzo “meccanica, meccatronica ed energia” (ex diploma Istituto Tecnico Industriale); istituto tecnico tecnologico indirizzo “elettronica ed elettrotecnica” (ex diploma istituto tecnico industriale), istituto tecnico tecnologico indirizzo “Costruzione ambiente e territorio” (ex diploma di  geometra); istituto tecnico tecnologico indirizzo “trasporti e logistica” (ex diploma istituto nautico); maturità scientifica) o Laurea in ingegneria (Meccanica, Navale, elettrica/elettronica).  

Figura professionale: Il supervisore di produzione - Capo Barca rappresenta, all’interno del processo di costruzione di una nave, il diretto responsabile delle singole fasi operative di produzione. Si occupa della supervisione e del coordinamento delle fasi di realizzazione di parti di scafo o di installazione di impianti di propria competenza rispondendone in termini di qualità, tempi e costi. In virtù del proprio bagaglio tecnico e della propria esperienza, si occupa di attuare le istruzioni ricevute organizzando il lavoro degli operai a lui assegnati o delle ditte in appalto alle quali sono affidate le lavorazioni, monitorando l’andamento e lo stato di avanzamento delle attività ed assicurando il rispetto delle norme di sicurezza sul lavoro in ogni fase di produzione. 

-    Programmatore ed installatore di sistemi elettrico-elettronici (800 ore)

Iscrizioni: dal 22 luglio 2019 alle ore 17.00 del 16 settembre 2019

Aziende coinvolte:

Elettracqua srl

S.I.E. srl

Pino A. Bruzzo srl

Banten snc

Sanitrade srl

Hi-Lex Itay spa

Engineering spa

Accordo sindacale per l’inserimento del 47% degli allievi

Destinatari: 15 disoccupati, fino a 29 anni di età, residenti/domiciliati in Liguria, in possesso di Diploma di scuola secondaria di secondo grado o di Diploma tecnico di IeFP

Figura professionale: Il programmatore ed installatore di sistemi elettrico-elettronici esegue la programmazione, l'installazione e la manutenzione dei sistemi di programmazione e di controllo della produzione (Programmable Logic Controller – PLC, Personal Computer de-dicati, elaboratori di supervisione) e di trasmissione dei dati ne-gli impianti industriali contraddistinti da un elevato livello di automazione. La figura si occupa anche degli interventi di installazione e configurazione dell'hardware, di adattare ed interfaccia-re gli impianti ed i macchinari di produzione e dello sviluppo, di personalizzare il software di gestione ed assicura la necessaria assistenza tecnica agli operatori degli impianti. 

Entrambi i percorsi formativi sono supportati da azioni di Career Counseling, Tirocinio di inserimento lavorativo/ Work experience, accompagnamento all’inserimento lavorativo e orientamento all’autoimpiego e alla creazione di impresa.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium