/ Politica

Politica | 10 settembre 2019, 16:47

Pastorino sulla nave rovesciata presso le riparazioni navali: "Toti e Viale non hanno ancora rispettato gli impegni presi con i lavoratori"

Il capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino: "Incidente grave. Cosa deve ancora accadere per vedere riaperto il presidio medico sanitario?"

Pastorino sulla nave rovesciata presso le riparazioni navali: "Toti e Viale non hanno ancora rispettato gli impegni presi con i lavoratori"

"Poco fa ci è giunta notizia di un grave incidente presso le Riparazioni Navali di Genova: una gande imbarcazione si è rovesciata all’interno di uno dei bacini. Ovviamente ci auguriamo che non vi siano vittime, né feriti gravi fra l’equipaggio, i lavoratori e le maestranze coinvolte", scrive il  capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino in una nota stampa.

Per l'esponente dell'opposizione il problema della sicurezza presso il cantiere dove si è verificato l'incidente era da tempo stata posta all'attenzione dell'amministrazione, ma nulla si è ancora mosso: "Ci sarà tempo per comprendere la dinamica, però ci sorge un dubbio: cosa deve ancora accadere per vedere riaperto del presidio medico sanitario presso le riparazioni navali, chiuso per meri motivi economici e burocratici? Negli ultimi 2 anni, come gruppo consiliare, ci siamo battuti con forza per la sua riapertura. E soprattutto i sindacati e i lavoratori, auditi per ben 2 volte in Regione, hanno ben chiarito la pericolosità del settore e il fatto che questo presidio medico avesse nel tempo svolto un ruolo di straordinaria importanza, intervenendo positivamente in centinaia di casi all’anno. Oggi, purtroppo, avviene un incidente grave, per il quale ci auguriamo non vi siano conseguenze, ma il presidio sanitario è tuttora chiuso. Nonostante il presidente Toti e l’assessore Viale avessero più volte ribadito il loro impegno, l’attività dell’ambulatorio non è mai ripartita. Visto che Autorità Portuale è parte in causa, e che Regione Liguria ha sicuramente capacità di input, ci chiediamo ancora una volta quale sia la distanza fra le cose dette da Toti e Viale e quelle che effettivamente realizzano. In questa distanza c’è, nel caso di specie, l’incolumità, la sicurezza e la salute di chi lavora presso le riparazioni navali".

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium