/ Politica

Politica | 11 settembre 2019, 12:07

“Emergenza climatica: mareggiate e gestione sostenibile delle coste”, l'iniziativa pubblica di Linea Condivisa a Voltri

Il consigliere regionale Pastorino: "La politica deve cambiare passo: non basta attivarsi per riparare i danni, pensando che comunque l’ingegno umano avrà ragione delle dinamiche del mare. Sono invece indispensabili la conoscenza, la consapevolezza e la condivisione"

“Emergenza climatica: mareggiate e gestione sostenibile delle coste”, l'iniziativa pubblica di Linea Condivisa a Voltri

Venerdì 13 settembre, Linea Condivisa organizza a Voltri l’iniziativa pubblica “Emergenza climatica: mareggiate e gestione sostenibile delle coste”. il dibattito prenderà in esame l’incremento, in termini di frequenza e forza distruttiva, delle mareggiate sulle coste liguri; come testimoniato dagli eventi calamitosi che hanno colpito la regione nell’autunno 2018, ma ancora soltanto poche settimane fa nel pieno dell’estate. In prospettiva, questo problema avrà implicazioni sempre maggiori sull’alterazione della morfologia delle coste e sull’andamento delle correnti, quindi sulle attività produttive connesse ai litorali, sul turismo ed anche sul patrimonio storico, culturale ambientale.

Un punto fermo: inutile e controproducente una politica che risponde esclusivamente a emergenza avvenuta, per riparare danni altrimenti evitabili o contenibili. La presa di coscienza sui mutamenti climatici non può che potare a un cambio di approccio, che privilegi la programmazione di interventi di salvaguardia e la gestione sostenibile delle spiagge. Appuntamento fissato alle 17.30 presso la sala consiliare del Municipio Ponente. "Esperti e ricercatori concordano sul fatto che i mutamenti climatici innalzino le temperature sulla terra ferma e in mare. Da qui le violente mareggiate che sconvolgono le nostre coste, ormai più volte l’anno. Il rischio è che nel prossimo futuro ci troveremo di fronte a una Liguria diversa, ancora più fragile ed esposta ai danni da maltempo. – dichiara il consigliere regionale Gianni Pastorino, fra i promotori dell’iniziativa –. La difesa dei nostri litorali costituisce un punto irremovibile di un diverso approccio politico alla nostra regione, a tutela del territorio, delle popolazioni costiere e delle attività produttive. Necessario far fronte al problema in maniera coordinata e organizzata. Non solo in fase emergenziale". 

Parteciperanno al dibattito Paola Rivaro (Professore Associato dell’Università di Genova), Maurizio Wurtz (Professore Emerito dell’Università di Genova), Nadia Repetto (biologa); con interventi di Edoardo Testa, Stefano Bigliazzi e Filippo Bruzzone, membri del tavolo ambiente di Linea Condivisa. Introduce il Presidente del Municipio Ponente Claudio Chiarotti; modera Rossella D’Acqui. "Le mareggiate ci sono sempre state, ma alla luce dei cambiamenti climatici oggi risultano più distruttive. La loro forza è scaricata su un ecosistema delicato, in cui qualsiasi intervento a mare o sugli arenili interagisce con correnti, moto ondoso, sedimenti ed erosione – spiega Rossella D’Acqui -. La politica deve cambiare passo: non basta attivarsi per riparare i danni, pensando che comunque l’ingegno umano avrà ragione delle dinamiche del mare. Sono invece indispensabili la conoscenza, la consapevolezza e la condivisione".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium