/ Attualità

Attualità | 12 settembre 2019, 12:02

Giornata mondiale senza sacchetti di plastica: oggi si celebra anche a Genova

Festeggia 10 anni ed è stata introdotta da The Marine Conservation Society per sensibilizzarci alla riduzione dell'uso della plastica

Giornata mondiale senza sacchetti di plastica: oggi si celebra anche a Genova

Ha già compiuto 10 anni, che festeggia oggi, il 12 settembre. Eppure quanti sanno che si tratta della Giornata Mondiale senza sacchetti di plastica?

Un decennio non è pochissimo, ma l’allarme è scattato solo di recente, quando scienziati e media internazionali ci hanno mostrato le immagini delle “isole” di plastica che galleggiano nei nostri mari. A lanciare questa giornata, non a caso, è stato nel 2009 The Marine Conservation Society, per sensibilizzarci all’importanza della riduzione dell’uso dei sacchetti. E non solo di quelli.

Secondo le direttive dell’Unione Europea, infatti, bisogna cominciare a sbarazzarsi di diversi oggetti, in genere monouso, fatti di plastica.

Intanto da gennaio 2018 in Italia non si trovano più, nei supermercati, quelli per frutta e verdura, sostituiti da buste in materiale compostabile. Negli altri negozi, invece, i sacchetti in commercio devono essere per il 30% di plastica riciclata e uno spessore superiore a 100 micron, borse ultra leggere biodegradabili e compostabili composte per almeno il 40% di materia prima rinnovabile.

Invece, per quanto riguarda gli altri oggetti, quelli che l’Unione Europea vuole eliminare definitivamente, nel tempo, sono:

- Cotton fioc, la cui eliminazione è stata anticipata al gennaio 2019

- Posate

Piatti

Cannucce

Mescolatori, come quelli per miscelare il caffè o i drink

Aste dei palloncini

- Contenitori per alimenti e bevande in polistirolo espanso

Sacchetti di plastica oxo-degradabile

Ricordiamo che a Genova e in Liguria diversi stabilimenti balneari e locali della movida hanno adottato diverse misure ecosostenibili,  a partire,  appunto dalla sostituzione di bicchieri, piatti e posate di plastica.

Nel Porto Antico, all’Università di Genova e all’Istituto Italiano di Tecnologia, una buona pratica entrata in uso – anche su invito del Ministero dell’Ambiente – è stata quella di sostituire le bottigliette con le borracce.

Per evitare i sacchetti di plastica ci sono alcuni semplici accorgimenti che ognuno può attuare nella vita di tutti i giorni:

-portare la shopper in tessuto da casa

-usare anche la borsa o lo zaino

-acquistare prodotti sfusi

-evitare le confezioni di cibo e alimenti in plastica

E ancora, per l’eliminazione per l’eliminazione delle plastiche, anche quelle più piccole, le cosiddette microplastiche, ricordiamo:

- uso di buste per il lavaggio degli indumenti (acquistabili online, raccolgono le microfibre, che così non finiscono negli scarichi e quindi in mare)

- eliminare l'uso dei cosmetici e dentifrici con microgranuli

Medea Garrone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium