/ Politica

Politica | 07 ottobre 2019, 11:01

Acerbo sul tema autostrada: "Benetton indifendibili, revoca concessioni atto dovuto"

Il segretario nazionale Rifondazione Comunista - Sinistra Europea: "Non si possono lasciare concessioni in mano a chi ha accumulato profitti senza garantire adeguata manutenzione e sicurezza giungendo persino a falsificare relazioni"

Acerbo sul tema autostrada: "Benetton indifendibili, revoca concessioni atto dovuto"

Per Maurizio Acerbo, segretario nazionale Rifondazione Comunista - Sinistra Europea, la revoca della concessione per la gestione della rete autostradale è un atto doveroso, alla luce del disastro del Morandi e di tutte le presunte omissioni emerse sulla stampa in relazione alla manutenzione dell'opera: "Le notizie delle ultime ore relative al fatto che anche dopo il crollo del Ponte Morandi siano state alterate relazioni sullo stato di sicurezza di ponti e viadotti non fanno che confermare il quadro desolante della gestione privatizzata delle nostre autostrade.Le società dei Benetton sono indifendibili, la revoca delle concessioni è un atto dovuto.E il governo non faccia il furbo con una revochina di una tratta. Non si possono lasciare concessioni in mano a chi ha accumulato profitti senza garantire adeguata manutenzione e sicurezza giungendo persino a falsificare relazioni, secondo quanto emerso sulla stampa".

"La revoca è doverosa per rispetto delle vittime della strage e della dignità del nostro popolo - prosegue Acerbo - che non può essere ulteriormente umiliata da lobby potenti che hanno goduto della complicità della politica che ha reso evanescenti i controlli e ha consentito posizioni di rendita monopolistica che nulla hanno a che fare con il tanto decantato mercato.Invitiamo gli ignavi e i furbi a rileggere le parole del Presidente della Repubblica nell'anniversario della strage di Genova. Il presidente Mattarella è abituato a soppesare con prudenza i giudizi e non è certo schierato ideologicamente contro le privatizzazioni, anzi fece parte dei governi che sciaguratamente le decisero. Il presidente parlò a proposito della tragedia del crollo del Ponte Morandi di dolore causato da incuria, omesso controllo, consapevole superficialità, brama di profitto".

"E' evidente anche al Presidente che vi sono responsabilità della società concessionaria dell'autostrada - conclude il segretario nazionale Rifondazione Comunista - Sinistra Europea-. La rivendicazione della revoca della concessione di Atlantia non ha nulla di estremista o ideologico come troppi vogliono far credere. Noi di Rifondazione Comunista rivendichiamo con orgoglio di essere sempre stati contrari alla privatizzazione delle autostrade e continuiamo a sostenere necessità di tornare alla gestione pubblica. Diciamo a PD, centrodestra e M5S che la si smetta di mettere la politica e le istituzioni al servizio della lobby dei concessionari privati".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium