/ Eventi

Eventi | 09 ottobre 2019, 12:05

Un campagna di crowdfunding per salvare la Venere di Castello D'Albertis

L’opera, commissionata dal Capitano D’Albertis, grande ammiratore della Venere ritrovata a Milos nel 1820, è in pietra artificiale. Un materiale nuovo, per l’epoca, e in fase di sperimentazione

Un campagna di crowdfunding per salvare la Venere di Castello D'Albertis

Salvare la bellezza è possibile! È lo slogan dell’iniziativa Briciole di Venere promossa dal Comune di Genova, per il restauro della statua della Venere custodita nel parco di Castello D’Albertis.

L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla collaborazione di Cooperativa Solidarietà e Lavoro Onlus e di Rete del Dono, piattaforma di crowdfunding per la raccolta di donazioni online a favore di progetti d’utilità sociale ideati e gestiti da organizzazioni non profit e che vedono la partecipazione “dal basso” di chi si riconosce nella finalità del progetto e nell’importanza, in questo caso, di tutelare un bene comune.

L’opera, commissionata dal Capitano D’Albertis, grande ammiratore della Venere ritrovata a Milos nel 1820, è in pietra artificiale. Un materiale nuovo, per l’epoca, e in fase di sperimentazione; proprio per questo motivo la Venere di Castello D’Albertis si caratterizza in maniera inedita e originale rispetto alle copie di quel periodo. Si tratta dunque di un’opera d’avanguardia, in piena coerenza con il carattere di esploratore e anticipatore del suo committente-ideatore.

Oggi, le condizioni conservative della Venere appaiono estremamente gravi e progressive a causa dello sbriciolamento della pietra artificiale. In quest’ottica si colloca la campagna di crowdfunding, che proseguirà sino a marzo 2020, e le cui modalità sono reperibili sul link https://www.retedeldono.it/it/progetti/castello-dalbertis-genova/briciole-di-venere

A breve verrà messo in campo anche un ricco calendario di appuntamenti e iniziative collaterali, che saranno l’occasione per raccontare le tante curiosità legate alla storia di Venere e del Capitano D’Albertis.

Ai donatori verranno offerti alcuni bonus, come ringraziamento per aver contribuito al restauro della Venere.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium