/ Cronaca

Cronaca | 11 ottobre 2019, 18:16

Morte Carmela Ruscillo: richiesto il rinvio a giudizio per omicidio stradale

La donna, che era a bordo del bus ed è caduta a terra sbattendo la testa, era morta dopo 3 giorni di agonia

Morte Carmela Ruscillo: richiesto il rinvio a giudizio per omicidio stradale

Una ha mancato la precedenza, l’altro, per evitarla, ha effettuato una frenata troppo brusca “inopportuna”: una concatenazione di violazioni risultata fatale per l’anziana passeggera di un autobus, deceduta dopo essere rovinata a terra e aver sbattuto il capo.

Con atto del 25 settembre, a un anno dalla tragedia, e a conclusione delle indagini preliminari, il Pubblico Ministero della Procura di Genova, dott.ssa Patrizia Petruzziello, titolare del procedimento penale per omicidio stradale per la morte dell’84enne Carmela Ruscillo, ha chiesto il rinvio a giudizio per i due indagati: S. B., 44 anni, di Genova, autista dell’autobus dell’Azienda Mobilità e Trasporti, su cui la vittima viaggiava, e S. L., 33 anni, di Serra Riccò, conducente dell’auto “incriminata”. E, in relazione alla richiesta, il Gip del Tribunale genovese, dott.ssa Cinzia Perroni, con avviso del 4 ottobre, ha fissato per il 15 novembre, alle ore 12.30, nel palazzo di giustizia di piazza Portoria, l’udienza preliminare. La famiglia della vittima, tramite l’Area manager Armando Zamparo, si è affidata a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadiniMa ora i congiunti si attendono anche giustizia in sede penale.

Il 18 settembre Carmela Ruscillo stava tornando nella sua casa di via Mansueto dal suo negozio: originaria di Bovino, nel Foggiano, ma residente da mezzo secolo nel capoluogo ligure, la signora, nonostante l’età, godeva di ottima salute e lavorava ancora nella storica calzoleria di famiglia avviata dal marito Antonio, scomparso due anni prima, e che gestiva con l’unico figlio, Angelo, e la nuora Giovanna. La donna, che ha lasciato anche un’amata nipote e una sorella, ha preso l’autobus della linea 63 alla fermata di piazza Pontedecimo ma poco dopo, alle 17.40, si è consumato il dramma. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium