/ Cronaca

Cronaca | 19 ottobre 2019, 16:34

Pra’, la scuola Thouar da oltre cinque anni con le impalcature

L’intervento ai prospetti e ai cornicioni è stato più volte promesso, ma non è mai partito. Filippo Bruzzone (A Sinistra): “Presenterò un’altra interpellanza”. Intanto Tursi annuncia finanziamenti per altre scuole: è una vera beffa

Pra’, la scuola Thouar da oltre cinque anni con le impalcature

La scuola Thouar di Pra’ può ancora aspettare. Del resto, sono soltanto cinque anni che l’istituto primario della delegazione attende un intervento di consolidamento delle facciate. Ci sono soltanto centinaia di bambini che frequentano quelle aule, tutti i giorni, insieme ai loro insegnanti.

Cosa volete che sia. Così i tubi innocenti delle impalcature sono sempre più arrugginiti, le condizioni dell’edificio peggiorano, ma da Tursi non si muove nulla.

Ieri il Comune di Genova ha emesso un comunicato stampa nel quale ha annunciato interventi esecutivi, dell’importo di svariate centinaia di migliaia di euro, che riguardano anche alcune scuole cittadine, soprattutto per gli impianti antincendio. Ma per la scuola Thouar non c’è ancora nulla.

“Presenterò un’altra interpellanza - afferma il consigliere municipale del VII Ponente, Filippo Bruzzone, capogruppo di A Sinistra in piazza Gaggero - È dal 2017 che seguo la questione, più volte ci si è impegnati per fare i lavori, ma poi non sono mai effettivamente partiti. Continuiamo a sollecitare, perché la situazione di pericolosità è sotto gli occhi di tutti”.

Bruzzone ripercorre la storia: “Alla fine del 2017, l’allora assessore ai Lavori Pubblici di Tursi Paolo Fanghella, che era stato nominato pochi mesi prima, riconferma per il Municipio VII Ponente lo stesso impegno di spesa che aveva fissato il suo predecessore Gianni Crivello. Non solo, vengono anche aggiunti alcuni interventi in Val Varenna. Però, e qui la brutta sorpresa, ogni lavoro viene rinviato di un anno, se non di due. Almeno un buon ottanta per cento. E, dentro a questo elenco, mi salta all’occhio la scuola ‘Thouar’, che da tempo attende una soluzione strutturale”.

Poi, l’intervento viene promesso “entro l’estate del 2018”. Siamo nell’ottobre del 2019 e non si è mosso nulla. In più, Tursi se ne esce con un comunicato dove si parla di soldi alle scuole.

È l’ennesima beffa: “Vorrei vederci chiaro - osserva Bruzzone - ed è per questo che preparo un’altra interpellanza. Il nuovo assessore ai Lavori Pubblici, Pietro Piciocchi, ha dimostrato di voler instaurare un dialogo più costruttivo con il Municipio, rispetto al suo predecessore. Questo lo apprezzo molto. Mi piacerebbe che venisse indicata, almeno, una data di inizio lavori, e che poi venisse mantenuta. Direi che i tempi per passare dalle parole ai fatti sono più che maturi”.

Negli archivi, si ritrovano le parole di Fanghella, del marzo 2018: “L’intervento di rifacimento dei cornicioni e dei prospetti della scuola ‘Thouar’ di via Airaghi era già previsto nella terza annualità dello schema di programma triennale dei lavori pubblici 2018-2020, approvato con delibera della giunta comunale nel 2017. Il Municipio Ponente non ha evidenziato la situazione di urgenza. L’intervento è stato programmato presumibilmente per l’estate 2018. L’installazione del controsoffitto antisfondamento nella totalità del secondo piano e nel vano scale costerà 109.660,90 euro”.

Se si guarda il calendario oggi, la sensazione è quella di un ‘leggerissimo’ ritardo. Del quale peraltro nessuno si scusa. Sarebbe forse il caso di porre rimedio?

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium