/ Attualità

Attualità | 20 ottobre 2019, 16:06

Controlli obbligatori per tutti gli sportivi, la battaglia della Fondazione Polito

Esce, con il patrocinio del Coni, il fumetto ‘David tra le nuvole’, per sensibilizzare le istituzioni ad approvare una legge che è anche un fatto di civiltà. Gli endorsement di Zeman, Ranieri, Inzaghi, Mihajlovic e tanti altri

Controlli obbligatori per tutti gli sportivi, la battaglia della Fondazione Polito

Ci sono tantissimi modi per sostenere una nobile causa. Anche un fumetto, ambientato nel mondo del calcio. Si chiama ‘David tra le nuvole’, è stato realizzato da Antonio Federico ed è legato a uno dei progetti di punta della Fondazione Fioravante Polito - Museo e Biblioteca del Calcio, che ha sede a Santa Maria di Castellabate, in provincia di Salerno, ma opera su tutto il territorio nazionale.

A guidarla, c’è Davide Polito, che da anni si batte in prima persona per rendere legge dello Stato il cosiddetto ‘Passaporto Ematico’, ovvero l’obbligatorietà dei controlli emato-cardiaci per tutti gli sportivi, a partire dai sei anni di età, agonisti e non, ai fini del rilascio del certificato di idoneità sportiva.

Sono tante, sempre troppe, le tragedie che hanno accompagnato e accompagnano il mondo del calcio, e più in generale di tutto lo sport. Destini ineluttabili, si dice spesso, ma molte volte, invece, certe morti si potrebbero evitare, con una buona prevenzione.

Far prendere coscienza del problema è l’obiettivo principale della Fondazione Polito, ed è stato scelto il fumetto in quanto forma di comunicazione tra le più immediate e dirette: “Il nostro primario obiettivo - spiega Davide Polito - è proprio quello di estendere a tutti gli sportivi il ‘Passaporto Ematico’, e per farlo abbiamo pensato a uno strumento di facile suggestione, ovvero la realizzazione di un fumetto sul tema. Con ‘David tra le nuvole’, intendiamo sensibilizzare i ragazzi e anche le famiglie dei giovani sportivi, nella speranza che la presa di coscienza di dover essere sempre sotto controllo medico si diffonda e divenga necessità e consapevolezza per adulti e per bambini”.

L’iniziativa è intitolata ad Andrea Fortunato (di cui la Fondazione Polito pubblica anche il bel libro ‘Una stella cometa’, scritto da Roberto Guerriero e Jvan Sica), Flavio Falzetti, Piermario Morosini e Carmelo Imbriani.

A curare la prefazione del fumetto è il presidente del Coni, Giovanni Malagò: “Il ‘Passaporto Ematico’ è un processo culturale, un dovere morale, un obiettivo nobile. Sono vicino a chi s’impegna nella diffusione di un’iniziativa che va nella direzione giusta, rispecchiando una finalità che rappresenta un denominatore comune per chiunque abbia a cuore lo sport, permettendo di comprenderne l’importanza e per ottenere, fuori dal campo, una vittoria davvero unica”.

Per sostenere la Fondazione Polito, si può visitare il portale web www.fondazionepolito.it.

Ma chi è David? “Un ragazzo come tanti, testardo e ostinato nel seguire la sua passione, ma tanto distratto da essa da trascurare la cosa più importante, la sua salute”. A descriverlo è il suo creatore, Antonio Federico. “Disegnando David, ho iniziato a pensare come lui e a immedesimarmi in lui, per permettergli di esistere. Mi sono molto rattristato nel disegnare il momento della caduta sul campo da gioco, ed ho assistito alla scena come il commentatore della partita. ‘David tra le nuvole’ è un lavoro che mi ha grandemente gratificato. Spero che questo fumetto possa aiutare i ragazzi a comprendere meglio quanto sia importante la loro salute”.

Il fumetto si conclude con una carrellata di endorsement, rispetto al ‘Passaporto Ematico’: da Claudio Ranieri a Simone Inzaghi, da Sinisa Mihajlovic a Zdenek Zeman e molti altri. Il mondo del calcio è unito, ora spetta alla politica arrivare sino in fondo.

 

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium