/ Cultura

Cultura | 13 novembre 2019, 19:15

Le "delicate fragilità" dell'interiorità femminile nella bipersonale di Evita Andujar e Ilaria Gasparroni

La stagione autunnale della Galleria Studio Rossetti prosegue con una mostra in dialogo tra due artiste a confronto appartenenti a formazione e generazioni diverse. Due mondi in contrapposizione uniti da istinto e spiritualità. Inaugurazione giovedì 21 novembre

Le "delicate fragilità" dell'interiorità femminile nella bipersonale di Evita Andujar e Ilaria Gasparroni

Due artiste di diversa generazione, provenienza e formazione a confronto. Due mondi creativi apparentemente agli antipodi ma accumunati da un unico comune denominatore: l’interiorità femminile trasmessa attraverso il dialogo. Dal 21 novembre al 21 dicembre la Galleria Studio Rossetti (via Chiabrera, 33 rosso) ospita la mostra Delicate fragilità della pittrice Evita Andújar (Écija, Spagna, 1974) e della scultrice Ilaria Gasparroni (Sant’Omero, provincia di Teramo, 1989), due esponenti del mondo dell’arte unite da un comune sentire intorno al mondo femminile, espresso attraverso una pittura istintuale. Curata da Livia Savorelli, la mostra contrappone l’acceso cromatismo e dinamismo nell’opera della Andújar all’essenza formale nelle creazioni in marmo della Gasparroni.

Da un lato la plasticità delle forme in bianco e in nero dell’artista abruzzese, dall’altro l’accesso cromatismo dato dalle pennellate della spagnola creano un gioco di assonanze e dissonanze che incantano lo spettatore. Il risultato è il dialogo che si instaura tra le due artiste attraverso il gioco delle forme da una parte e dei colori dall’altra, con una diversa visione e prospettiva del corpo e dello spazio. "Un anno fa ho accolto con un grande entusiasmo e passione il progetto nato da un’intuizione di Livia Savorelli, la curatrice della mostra, e sono molto felice di poter presentare, oggi, questa mostra che vede coinvolte due artiste dalla grande sensibilità, Evita Andújar ed Ilaria Gasparroni– racconta Elisabetta Rossetti, titolare della Galleria Studio Rossetti e presidente del DiDe - Distretto del Design Genova -. La mostra è stata concepita come un dialogo tra due artiste di diversa generazione, provenienza e formazione che sono state chiamate ad interrogarsi su alcune comuni “fragilità” connesse alla socialità di ognuno di noi".

La mostra si compone di otto opere in dialogo, quattro per ciascuna artista, con l’aggiunta di una selezione di opere recenti, tra cui alcuni inediti creati appositamente per l’occasione. "Un dialogo molto profondo ed interessante tra due artiste apparentemente alquanto differenti: Evita Andujar attinge da esperienze passate di vita vissuta, dal mondo dei social network, Ilaria Gasparroni dalla letteratura e dalla filosofia, dai fiori del male di Charles Baudelaire, per trattare temi d’attualità e instaurare un dialogo vivo, reale ed intimo – prosegue la Rossetti -. C’è molto di attuale nelle opere delle due artiste sia nel modo di creare, che viene espresso attraverso le proprie opere, sia nel modo di instaurare il dialogo attraverso l’arte".

L’inaugurazione è in programma giovedì 21 novembre alle ore 17.30. La mostra è visitabile fino al 21 dicembre. Foto opere di Ilaria Gasparroni (Riccardo Piccioni).

Orari apertura galleria: dal martedì al sabato: orari 11.00-13.00/16.00-19.00 (domenica e lunedì su appuntamento).

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium